CHIUDI
CHIUDI

02.01.2020

Quattromila in centro brindano con la musica «Città sempre più bella»

Un momento dell’esibizione musicale dei Radio Hertz in una piazza Libertà gremita. FOTOSERVIZIO CECCONIl sindaco Pavan, l’assessore Bizzotto e altri amministratori brindanoUn piccolo spettacolo di  fuochi artificiali nonostante il divietp
Un momento dell’esibizione musicale dei Radio Hertz in una piazza Libertà gremita. FOTOSERVIZIO CECCONIl sindaco Pavan, l’assessore Bizzotto e altri amministratori brindanoUn piccolo spettacolo di fuochi artificiali nonostante il divietp

Serenità, prosperità e anche un “grazie” rinnovato per il mandato che i bassanesi le hanno assegnato. Per il tradizionale augurio di Capodanno, sotto le insegne della Pro Bassano in una piazza Libertà gremita (quattromila i presenti in centro) il sindaco Elena Pavan ha scelto la semplicità. Aveva promesso che per gli auguri si sarebbe lasciata guidare dalle emozioni del momento e allo scoccare della mezzanotte ha pronunciato un breve discorso a taglio familiare. «Auguro un 2020 sereno – ha detto -, nel quale tutti stiano bene. Per me è il primo Capodanno da sindaco e conto che nelle prossime ricorrenze ci si possa trovare tutti insieme in una città sempre più bella». Ad aggiungere i propri auguri a quelli del primo cittadino, l’assessore alla sicurezza Tamara Bizzotto e una pattuglia di consiglieri trasversale agli schieramenti con la capogruppo Pd Paola Bertoncello a fare gli onori di casa da veterana del Capodanno in piazza da tre tornate amministrative. «Ogni anno confermiamo i numeri nelle presenze del pubblico e nelle decine di volontari che si dedicano a far funzionare la festa – ha detto il presidente della Pro, Renzo Stevan -. Il brindisi in piazza è una tradizione consolidata e non servirebbe nemmeno pubblicizzarlo: ci pensano le famiglie, i giovani, i gruppi di amici, non solo bassanesi. Si danno appuntamento poco prima della mezzanotte e in un attimo la piazza si ritrova gremita con persone di tutte le età». Piazza Libertà, per l’occasione, in modo che la presenza dei mercatini nell’attigua piazza Garibaldi, e di albero, presepio, casetta della Pro Bassano e palco nel luogo scelto per il brindisi, scoraggiasse eventuali cultori dei botti da un Capodanno troppo pirotecnico. E in effetti petardi e fontane sono rimasti ai confini della festa per una notte di S. Silvestro trascorsa più tranquillamente del solito. «Il brindisi di mezzanotte dev’essere un momento dedicato alle famiglie – ha detto l’assessore Bizzotto – e alle tante persone che desiderano festeggiare senza eccessi, come è accaduto con questo 2020». Tutti con il piacere di ritrovarsi e ascoltare buona musica, come quella che la band di casa, i “Radio Hertz” ha proposto fino alle ore piccole. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lorenzo Parolin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1