Tezze sul Brenta / Rosà

Pestato alla festa in villa, giovane finisce in ospedale

Un 19enne di Rosà ha riportato un trauma cranico e la rottura del setto nasale.
Lite durante la festa: i genitori del 19enne ferito hanno sporto denuncia
Lite durante la festa: i genitori del 19enne ferito hanno sporto denuncia
Lite durante la festa: i genitori del 19enne ferito hanno sporto denuncia
Lite durante la festa: i genitori del 19enne ferito hanno sporto denuncia

Una violenta lite fuori dalla festa, fa finire all’ospedale un giovane bassanese rimasto sotto stretta osservazione dei medici per diversi giorni in seguito a un violento pugno ricevuto in volto da un altro giovane che gli ha provocato la frattura del setto nasale e un trauma cranico.

La denuncia

I famigliari del ferito, un diciannovenne, hanno deciso di non lasciar correre, sporgendo regolare denuncia ai carabinieri della Compagnia di Bassano, che hanno subito avviato le indagini per risalire all’autore del pugno. Il ventenne è stato identificato, risiede fuori dal Bassanese, in un Comune della provincia e nei prossimi giorni verrà ascoltato dai militari, anche con l’obiettivo di raccogliere la sua versione dei fatti. Ora l’aggressore rischia denunce pesanti. 

Tutto è avvenuto durante le recenti festività natalizie. Era la festa di capodanno, quando decine di giovani si erano dati appuntamento a Villa Maria, residenza storica di Tezze sul Brenta, che era stata noleggiata per l’occasione. Alla villa, fra i partecipanti alla festa, c’erano anche i due giovani coinvolti nella vicenda. 

Il diverbio per gelosia

Non è ancora chiaro come sia iniziato il diverbio fra i due, ma pare che all’origine del confronto ci fossero questioni legate alla gelosia. Fatto sta che i due si sono ritrovati verso le 3 per un confronto diretto e i due, stando ala prima ricostruzione dei fatti, dalle parole sarebbero presto passati alle mani. 
Un atteggiamento che sarebbe stato reciproco, forse dettato anche dall’abuso di alcol. La lite tra il 19enne di Bassano e il vicentino di pochi anni più grande, è subito degenerata.

È stato proprio il bassanese ad avere la peggio, ricevendo un violento pugno al volto dal vicentino. L’aggressione ha causato al giovane la frattura del setto nasale e una commozione cerebrale. Le sue condizioni sono apparse da subito preoccupanti, tanto che gli amici hanno scelto di condurlo al pronto soccorso dell’ospedale San Bassiano. I medici hanno sottoposto il ragazzo a tutti gli accertamenti clinici del caso, dai quali è emersa anche la preoccupante commozione cerebrale, che ha portato al ricovero, durato diversi giorni.

Le indagini

I famigliari della vittima, date le gravi condizioni del congiunto, hanno scelto di sporgere denuncia per ottenere giustizia. I carabinieri di Rosà, dove risiede il ragazzo, hanno subito avviato le indagini per risalire all’aggressore, identificato nei giorni successivi. Il ventenne verrà ascoltato dai militari, ai quali potrà fornire la sua versione dei fatti. Ma la prognosi di alcune settimane del ragazzo che ha ricevuto in volto il violento pugno, potrebbe aggravare la sua posizione.
Il giovane ferito per fortuna si sarebbe rimesso, e starebbe ora terminando la sua convalescenza. 

 

Francesca Cavedagna