CHIUDI
CHIUDI

27.09.2019

Settimana Ue delle città Fietta vola a Bruxelles

Destinazione Bruxelles per il vicesindaco Valentina Fietta
Destinazione Bruxelles per il vicesindaco Valentina Fietta

Da Mussolente a Bruxelles per decidere il futuro dell'Europa: per discutere di coesione, sostenibilità, progettazione partecipata e per far sentire alle istituzioni Ue la voce dei piccoli territori. La vicesindaco misquilese Valentina Fietta dal 7 al 10 ottobre parteciperà, in Belgio, ai workshop e agli incontri della “Settimana Europea delle regioni e delle città”, momento di confronto tra tecnici e rappresentanti delle istituzioni Ue in cui si getteranno le basi della programmazione europea dei prossimi anni (l'agenda 2021 – 2027). All'appuntamento sono stati invitati anche un centinaio di giovani amministratori provenienti da tutti i Paesi membri e selezionati dal Comitato Europeo delle regioni perché impegnatisi, a livello locale, a sviluppare attività in linea con le strategie comunitarie in fatto di cultura e sostenibilità. Tra i prescelti, su una rosa di oltre 700 candidati, figura anche l'esponente della Giunta misquilese, che ha presentato come biglietto da visita il lavoro svolto in questi anni in seno all'Amministrazione di Cristiano Montagner per la messa a punto di diversi programmi sovracomunali in cui Mussolente sta giocando un ruolo di spicco. «Ho raccontato, ad esempio, del Piano d'azione per l'energia sostenibile (Paes), avviato con il Patto dei Sindaci – riferisce –, dei progetti europei Life+ per il clima e di quelli regionali per la sensibilizzazione e l'istruzione dei giovani, senza scordare le iniziative dell'Ipa dell'Asolano e naturalmente la candidatura Mab Unesco per il Massiccio del Grappa, portata avanti assieme agli altri 23 comuni pedemontani». Un curriculum che è valso a Fietta, di professione consulente aziendale in materia di progettazione europea, un biglietto per Bruxelles. «Porrò la questione della semplificazione burocratica sulla gestione dei fondi - spiega - per consentire anche ai piccoli Comuni di partecipare con facilità ai bandi. Vorrei che si riuscisse a comunicare meglio quanto l'Europa fa per il territorio, in maniera da far sentire più vicine le istituzioni Ue. Una volta rientrati, ai partecipanti sarà chiesto di promuovere delle iniziative nei propri territori per far conoscere meglio l'Europa. La mia idea è intraprendere, con i concittadini, un percorso di coprogettazione in ambito locale». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

C.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1