CHIUDI
CHIUDI

11.04.2019

Minaccia creditore
con la pistola
per non pagarlo

La vittima sarebbe stata minacciata con una pistola (ARCHIVIO)
La vittima sarebbe stata minacciata con una pistola (ARCHIVIO)

BASSANO. I due soci di una ditta bassanese sono stati rinviati a giudizio e dovranno difendersi dall’accusa di estorsione. La loro impresa aveva commissionato dei lavori in Puglia ad un’altra azienda, il cui titolare lamentava di non essere stato integralmente pagato. Per questo, dopo vari solleciti, si era recato a Bassano e li aveva incontrati prima in un bar del centro e poi nei loro uffici. All’interno, i due, con fare minaccioso, lo avrebbero costretto - facendogli vedere una pistola - a firmare un accordo che chiudeva le porte ad eventuali altre pretese economiche da parte sua. 

D.N.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1