Bassano

Il Natale solidale al mercatino Otb con testimonial Achille Lauro e le celebrità di Grande fratello e Masterchef

Oltre al cantante presenti anche Jonathan e Antonio Lorenzon testimonial della Fondazione. Arianna Alessi: «Niente sprechi e tempismo nei nostri interventi».
Renzo Rosso, Arianna Alessi, Lorenzon, Jonathan e i Babbos Natales (Foto CECCON)
Renzo Rosso, Arianna Alessi, Lorenzon, Jonathan e i Babbos Natales (Foto CECCON)
Mercatino di Natale Otb (FOTO CECCON)

Abeti natalizi, panettoni solidali, borse e vestiario sostenibili per le festività e, novità di quest’anno, anche le calze “benefiche” della Befana. Su tutto, ieri per l’edizione 2022 del Mercatino di Angarano, a Bassano, firmato da Otb Foundation, tanta musica, piacere nello stare insieme e un modo diverso dal solito di vivere Borgo Angarano e le adiacenze del Ponte. Non solo: anche testimonial d’eccezione. Il cantante Achille Lauro è arrivato nel pomeriggio e si è intrattenuto con il pubblico, ma non ha concesso dichiarazioni alla stampa se non grandi complimenti all’iniziativa di Renzo Rosso e Arianna Alessi e alla band dei “Babbos Natales” . In mattinata erano arrivati l’opinionista tv Jonathan Kashanian, già trionfatore al Grande Fratello, e il bassanese Antonio Lorenzon, vincitore di Masterchef.

Renzo Rosso: «Da semplice mercatino a vera e propria festa popolare»

Dal patron della Diesel, Renzo Rosso, sono arrivati spunti per la valorizzazione di via Angarano. «La cosa più bella del nostro mercatino – ha dichiarato – è che negli anni lo abbiamo trasformato in una festa popolare sostenuta da decine di volontari. Ci si ritrova per il piacere di stare assieme e, dal coinvolgimento, nascono azioni importanti. L’atmosfera che si respira fa il resto e la zona ne esce ravvivata».
Anche perché Fondazione Otb ha proposto, accanto agli stand nei quali era possibile acquistare dolci o prodotti Diesel Farm in vendita a scopo benefico, una postazione dedicata alle caldarroste dell’associazione “Il Castagno” di Valrovina, il carretto con lo zucchero filato e il vin brulè e l’angolo musicale. Quest’ultimo, animato come consuetudine dalla band dei “Babbos Natales” che ha proposto sempreverdi come “Last Christmas”, “Jingle Bells” o “Diana”. La maggior parte dei quali declinati alla bassanese, con qualche verso speciale in veneto.

Le celebrità di Gf Vip e MasterChef testimonial

«Bello lo spirito di festa, prezioso questo angolo di città – ha commentato Jonathan Kashanian -, da valorizzare sempre di più grazie a iniziative come questa». «Si sta bene – ha aggiunto Lorenzon – e si fa del bene, nella nostra città a misura d’uomo. Davvero, oggi, è tutto perfetto». L’incasso della giornata è stato devoluto a sostegno dei progetti che Otb Foundation ha attivato sul territorio: dal supporto alle donne vittime di violenza con il progetto “Mai Più” attivo da ormai cinque anni, all’apertura di due Empori solidali per permettere a chi è in difficoltà di fare la spesa gratuitamente, dalla sistemazione della scuola Gabelli di Sant’Eusebio prima di Natale, per consentire ai più piccoli di studiare in sicurezza, ai programmi di prevenzione per gli studenti su temi come dipendenze, ludopatia, violenze di genere, bullismo e cyberbullismo.

Raccolta fondi ogni anno a sostegno di una nuova emergenza 

«Questo ormai è un appuntamento fisso per la Fondazione, atteso da Bassano e non solo – ha commentato Arianna Alessi, vicepresidente di Otb Foundation -. Il mercatino è nato cinque anni fa in concomitanza con il disastro Vaia, da cui è partita l'idea di proporre abeti di Natale da ripiantare in Altipiano una volta passate le feste: è stata una delle occasioni in cui sperimentato, oltre ogni aspettativa, la grandissima sensibilità della cittadinanza Bassanese». Ciò ha spinto i vertici della Fondazione, anno dopo anno, a ripetere l’evento di raccolta fondi che a ogni edizione è andato a sostegno di una nuova emergenza.

Memorabile, in questo senso, l’edizione del Mercatino proposta durante il Covid. «Il calore dei nostri concittadini e la sempre grande partecipazione dei commercianti locali, che da settimane espongono fuori dai negozi i nostri abeti sostenendo la causa benefica del Mercatino – ancora Arianna Alessi -, sono un esempio di come tutti riconoscano nelle attività della Fondazione concretezza, tempismo e assenza di sprechi. Ne siamo orgogliosi e per questo vorremmo dedicare un particolare grazie a tutte le volontarie e i volontari che ci aiutano e ci accompagnano».

Lorenzo Parolin

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a Il Giornale di Vicenza e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de Il Giornale di Vicenza, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati