CHIUDI
CHIUDI

15.08.2019

Perde la vita dopo lo schianto in moto

Violento scontro tra auto e moto in via Roma.  CAVEDAGNA
Violento scontro tra auto e moto in via Roma. CAVEDAGNA

Tragico schianto ieri sera in via Roma a Schiavon. Nell’impatto tra una moto Ducati ed un fuoristrada ha perso la vita Stefano Azzolin, 43 anni, di Breganze. Il centauro era sulla sua due ruote con la fidanzata Patrizia Gallinaro, ricoverata in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione all’ospedale San Bassiano. Secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri della Compagnia di Bassano, intervenuti pochi minuti dopo i fatti, sembra che all’origine del violento schianto ci sia la manovra del fuoristrada. Erano da poco passate le 20 quando è avvenuto il violento impatto tra una Toyota Rav 4, parcheggiata contromano lungo via Roma, fuori dalla carreggiata, in direzione Vicenza- Marosticana, e la Ducati condotta da Azzolin, che viaggiava da Marostica verso Vicenza. Stando ai primi rilievi degli uomini dell’Arma, sembra che il conducente della moto si sia visto bloccare la strada dalla Toyota, forse in fase di manovra. Tutto è avvenuto in una frazione di secondo, il motociclista non avrebbe potuto fare nulla per evitare l’impatto laterale con il veicolo. Lo schianto è stato violentissimo e i due fidanzati sono stati sbalzati sull’asfalto. Entrambi hanno riportato lesioni gravissime. Immediato l’allarme al 118 che ha portato a Schiavon i sanitari dell’ospedale San Bassiano, con due ambulanze. Le condizioni di Azzolin sono apparse subito disperate; dopo essere stato intubato, l’uomo è stato trasportato d’urgenza al San Bortolo di Vicenza per essere ricoverato nel reparto di rianimazione. Qui i medici hanno fatto di tutto per salvargli la vita ma poco prima delle 23 è sopraggiunto un aggravamento irreversibile del quadro clinico. Sono gravi anche le condizioni della fidanzata, operata d’urgenza all’ospedale San Bassiano e poi trasferita in Rianimazione: la prognosi è riservata. Del fatto è stata informata anche la procura di Vicenza che, con tutta probabilità, aprirà un’inchiesta per omicidio stradale. Sulla Marosticana sono intervenuti anche i vigili del fuoco di via Ca’ Baroncello, per le operazioni di messa in sicurezza dei mezzi. La strada è rimasta chiusa al traffico per oltre mezz’ora; poi, senso unico alternato fino alle 23, quando i veicoli sono stati rimossi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesca Cavedagna
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1