Colceresa

Investito dalla moglie sulla rampa del garage: muore dopo giorni di agonia

Ha smesso di lottare dopo due settimane di agonia. È mancato nella notte di ieri Luigino Negretto, il pensionato di 88 anni rimasto vittima di un incidente lo scorso 29 dicembre, quando la moglie, per cause accidentali, lo aveva investito sulla rampa del garage della loro abitazione di Colceresa. Dopo il drammatico incidente il pensionato era stato ricoverato all’ospedale San Bassiano, e sottoposto a un delicato intervento salvavita, poi era stato trasferito nel reparto di rianimazione. Nonostante i medici dei diversi reparti abbiano fatto di tutto per salvargli la vita, Negretto ha smesso di lottare nella notte tra sabato e ieri, quando è stato dichiarato il decesso sopraggiunto per irreparabili complicazioni. 

Il terribile incidente, sul quale stanno indagano i carabinieri, su ordine della procura di Vicenza, era avvenuto nella mattinata di martedì 29 dicembre, nell’abitazione di via Roma, dove risiede la coppia di pensionati. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, ancora al lavoro per definire l'esatta dinamica dei fatti, pare che la moglie di Negretto stesse uscendo dal garage alla guida della sua auto. All'improvviso, per cause ancora da definire, l'anziana avrebbe perso il controllo del mezzo che sarebbe scivolato sulla rampa di accesso del garage andando ad investire Negretto, rimasto schiacciato tra il muro dell'abitazione e l'utilitaria. Sul caso, con tutta probabilità, la procura di Vicenza aprirà un fascicolo con l’accusa di omicidio colposo a carico della moglie. Un atto dovuto, che ha tra gli obiettivi principali quello di consentire alla congiunta di difendere la sua posizione, anche in un momento di dolore tanto estremo. La data dei funerali non è ancora stata fissata.

Francesca Cavedagna