Bassano

Inventa un'estorsione per nascondere l'acquisto di cocaina: imprenditore denunciato

Aveva denunciato di essere oggetto di un’estorsione per diverse migliaia di euro da parte di non specificati malviventi, ma in realtà aveva usato il denaro per acquistarsi cocaina. I carabinieri lo hanno scoperto e denunciato per simulazione di reato. Protagonista della vicenda un imprenditore di Bassano del Grappa, che il 10 giugno scorso si era presentato a una stazione carabinieri della zona denunciando che circa un anno prima, mentre si trovava in un bar, era stato avvicinato da due individui del Sud Italia, che avevano minacciato lui e la sua famiglia. Aveva riferito che da quel momento, ogni mese, avrebbe versato a queste persone diverse migliaia di euro.
Ai militari alcune di quelle dichiarazioni erano sembrate incoerenti e illogiche. Informata la Procura della repubblica di Vicenza, sono iniziati gli accertamenti, anche per il sospetto di un’infiltrazione mafiosa nel territorio. E gli investigatori hanno ricostruito una storia del tutto diversa da quella raccontata. Interrogato nella caserma di Bassano del Grappa dai militari della Sezione operativa, l’imprenditore ha ammesso di essersi inventato la storia per mettere a tacere le richieste di chiarimento da parte del proprio commercialista, di fronte ai movimenti di denaro senza spiegazione o documentazione. Il motivo era l’acquisto di cocaina, di cui l’uomo non poteva fare a meno, per decine di migliaia di euro in un anno.