Molvena/Pianezze

Ladri nelle case, torna la paura. Ma le telecamere li hanno ripresi

In azione di notte con la tecnica del foro nell’infisso. Il post del sindaco che mette in guardia i cittadini e invita a segnalare i sospetti.
I ladri ripresi da una telecamera di videosorveglianza
I ladri ripresi da una telecamera di videosorveglianza
I ladri ripresi da una telecamera di videosorveglianza
I ladri ripresi da una telecamera di videosorveglianza

Anche Pianezze e Molvena sono tornati nel mirino dei topi di appartamento. Sono almeno due i furti in abitazione messi a segno nella notte dell’Epifania con la tecnica del buco nell’infisso. Il sindaco Luca Vendramin ha pubblicato sui social le immagini dei ladri ripresi dalle telecamere di videosorveglianza di una delle vittime, e ora lancia un appello: «Aiutiamo i carabinieri, segnaliamo tempestivamente ogni movimento sospetto. Solo con la collaborazione di tutti possiamo fare in modo che questo fenomeno non torni a colpirci in maniera pesante come era avvenuto la scorsa estate».

Due uomini incappucciati in azione

I colpi sono stati messi a segno da almeno due uomini incappucciati, che hanno agito di notte, mentre gli inquilini dormivano tranquilli nei loro letti. Un furto è stato messo a segno in via Rinalda, a Pianezze; l’altro in via Professor Toaldo, a Molvena. In via Sandri, sempre a Pianezze sono stati notati due individui sospetti alle 3 del mattino. In entrambi i casi i malviventi si sono introdotti praticando un foro negli infissi al piano terra. Una volta dentro hanno ispezionato le stanze, portandosi via denaro e pochi monili.

La paura dei cittadini

Anche se il bottino non è ingente, quel che resta è la paura: «Quello che davvero ti viene sempre rubato quando accadono episodi di questo tipo, e la tranquillità, la fiducia di poter essere al sicuro all’interno delle mura domestiche. Delle cose di valore spesso non importa molto, ma quella tranquillità è difficile da recuperare. A me è successo due volte, so bene di cosa parlo, e sono molto dispiaciuto per le vittime perché so come si stanno sentendo».

Avvisare sempre le forze dell'ordine

Una delle vittime la scorsa mattina ha chiamato il sindaco per chiedergli cosa doveva fare. «Gli ho detto di consegnare subito i filmati ai carabinieri, ed è il consiglio che do a tutti. I nostri militari sono molto presenti sul territorio, i pattugliamenti sono costanti, ma serve anche il nostro aiuto, per questo dobbiamo segnalare ogni cosa sospetta». La scorsa estate Pianezze era stata presa di mire da altre bande di ladri. «Abbiamo subito decine di furti, è stato un massacro - spiega ancora il sindaco - In quel periodo, ho potuto anche capire quanto questi malviventi siano scaltri e preparati. Una notte stavo facendo un pattugliamento con i carabinieri, ne avevamo individuato uno, si era nascosto in un bosco vicino a casa mia, poi un altro allarme è scattato e il ladro è fuggito. Sono attenti a tutto e molto veloci nei movimenti. Spero che le segnalazioni che arriveranno dai cittadini diano alle forze dell’ordine gli strumenti necessari per bloccarli, e spero davvero che questi ultimi furti non siano l’anticipazione di una stagione predatoria simile a quella vissuta l’estate scorsa».

Francesca Cavedagna

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a Il Giornale di Vicenza e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de Il Giornale di Vicenza, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati