Bassano del Grappa

Controlli ed espulsioni: via anche il 34enne che aveva assaltato la redazione del GdV

Lunedì, poco prima dell'alba, aveva danneggiato la redazione bassanese del Giornale di Vicenza, spaccando una vetrata del primo piano: l'ultimo di una serie di vandalismi compiuti negli anni in centro storico. Ora sarà rimpatriato con un'operazione-lampo. Ieri mattina, su disposizione del questore Paolo Sartori, gli agenti del commissariato cittadino hanno raggiunto l'abitazione di Mustapha El Hajii, marocchino di 34 anni, noto per una sfilza di precedenti per aggressione, danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, lesione, porto d'armi e minacce. Lo hanno prelevato, hanno effettuato il fotosegnalamento e completato le pratiche di trasferimento al Centro per il rimpatrio di Torino, dove è stato accompagnato nella serata di ieri. Appena possibile, per l'africano, molto noto e temuto a Bassano per le sue scorribande violente, già finito in carcere per quasi due anni a Treviso, si aprirà la strada dell'espulsione dal territorio italiano.

La pronta risposta alle intemperanze di El Hajii è soltanto una delle operazioni eseguite su più vasta scala nei giorni scorsi dalle forze dell'ordine bassanesi. Nell'ultimo fine settimana, infatti, agenti del commissariato, carabinieri, guardia di finanza e polizia locale sono stati impegnati in una nuova ondata di controlli preventivi sul territorio. Molte le zone presidiate dai tutori dell'ordine: centro storico, parchi e aree urbane ma anche periferiche, soprattutto quelle segnalate dai cittadini quali teatro di fenomeni di degrado urbano e di microcriminalità. Complessivamente sono state controllate 117 persone, di cui 9 stranieri e 12 con precedenti, tre esercizi pubblici e 39 veicoli. Al termine delle operazioni, l'ufficio immigrazione e la divisione anticrimine della questura hanno predisposto le procedure amministrative per alcuni provvedimenti. Tra questi, un foglio di via obbligatorio dal Comune di Bassano, per un periodo di 3 anni, a carico di un pregiudicato residente altrove, tre avvisi orali a cittadini con precedenti penali per reati di varia natura contro il patrimonio, contro la persona o per spaccio di sostanze stupefacenti i quali, a causa dei precedenti a loro carico, denotano una spiccata pericolosità sociale. Infine, un ordine di allontanamento a carico di un altro cittadino marocchino con precedenti penali e non in possesso dei requisiti per soggiornare in Italia.

«Bassano del Grappa rappresenta uno dei Comuni della Provincia che, soprattutto con l'arrivo della bella stagione, è maggiormente frequentato da turisti italiani e stranieri - ha evidenziato il questore Sartori -. Pertanto sono state intensificate le operazioni straordinarie interforze. E' importante mantenere il più elevato possibile il livello di attenzione da parte delle forze dell'ordine, facendo percepire alla cittadinanza la nostra vicinanza ai problemi e alle esigenze da essa ritenuti imprescindibili».