CHIUDI
CHIUDI

06.12.2019

Commando mette
a segno 20 colpi
in sella alla moto

BASSANO. Avevano messo a segno una ventina di colpi nelle province di Vicenza, Treviso, Venezia e Padova. Il modus operandi era consolidato: usavano una motocicletta Honda di grossa cilindrata. Daglis Gabrieli, 40 enne, era il pilota, Paolo Massaroni, 45 anni, andava all’assalto delle vittime, per poi raggiungere velocemente il compagno e partire a tutto gas. 

I due uomini,  entrambi italiani di origini sinte, sono stati arrestati martedì scorso ed oggi affrontano l’interrogatorio di garanzia.

 

Entrambi sono al centro di un’indagine condotta dai carabinieri della sezione operativa di Bassano del Grappa, coordinata dal pm Alessandra Block, della Procura di Vicenza, denominata “Last Break”.

E’ un’indagine scaturita nei primi giorni del mese di agosto scorso, quando, a Schiavon, da una macchina che stava per partire, i due uomini aprivano repentinamente una portiera e si impossessavano di una borsa, strappandola dalle mani della proprietaria. Da allora, i due personaggi, hanno colpito almeno un’altra ventina di volte nelle province di Vicenza, Treviso, Venezia e Padova.

 

Durante uno dei loro raid, in un esercizio pubblico, nel quale si erano introdotti dopo aver forzato la porta di accesso, venivano affrontati dal proprietario e per guadagnarsi la fuga, lo minacciavano con un grosso cacciavite. I sospetti che hanno permesso ai carabinieri di identificarli, nonostante fossero sempre mascherati, sono partiti da testimonianze e filmati delle telecamere di videosorveglianza, dettagli che hanno fornito delle piste di investigazione fruttuose.

 

Durante l’arresto di Gabrieli e Massaroni, sono state eseguite anche delle perquisizioni domiciliari, che hanno permesso il rinvenimento non solo della motocicletta utilizzata per compiere i reati, ma anche altre prove a carico dei due.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1