CHIUDI
CHIUDI

19.06.2019

Le fiamme devastano l’azienda di parquet

La “Bassano parquet” di via Tito Speri 10 a Cassola  è stata distrutta da un rogo devastanteUna fase del vasto incendio che ha avvolto anche il tetto dell’aziendaIl titolare Giuseppe Andreatti
La “Bassano parquet” di via Tito Speri 10 a Cassola è stata distrutta da un rogo devastanteUna fase del vasto incendio che ha avvolto anche il tetto dell’aziendaIl titolare Giuseppe Andreatti

Devastante incendio alla “Bassano Parquet” di Cassola, distrutta la parte di verniciatura e imballaggio dell’azienda specializzata nella produzione di pregiati pavimenti in legno. Ingenti i danni, il titolare Giuseppe Andreatti racconta: «Avevamo chiuso da circa mezz’ora, poi mi hanno chiamato per dirmi che stava andando tutto a fuoco. Quando siamo usciti era tutto a posto, non capisco cosa sia potuto succedere. I danni? Immensi». Erano le 20 quando alla centrale operativa dei vigili del fuoco è arrivata la chiamata di un passante che segnalava un fumo nero e fitto uscire dallo stabilimento laterale dell’azienda al civico 10 di via Tito Speri, zona alle porte di Bassano, vicinissima alle abitazioni e un centro servizi. In pochi minuti sono intervenuti i vigili del fuoco di Bassano, subito seguiti dai colleghi di Cittadella e da quelli del comando di Vicenza. Uno spiegamento di forze immenso, per domare le fiamme che svettavano anche dalla sommità del capannone, ricoperta, nella sua interezza, da pannelli fotovoltaici. La velocità dell’intervento e la preparazione dei pompieri ha permesso di contenere l'incendio solo nell’area della verniciatura e imballaggio, andata comunque completamente distrutta, insieme ai macchinari che conteneva. La pericolosità del rogo, marcata dall’imponente quantitativo di legname conservato all’interno dei diversi capannoni dello stabilimento, ha imposto alle forze dell’ordine di chiudere tutta l’area limitrofa alla fabbrica. La necessaria precauzione disposta dagli agenti del commissariato di polizia cittadino che si sta anche occupando delle indagini, ed eseguita con l’ausilio dei carabinieri di via Emiliani, arrivati in supporto, si è resa necessaria anche per agevolare il delicato lavoro dei vigili del fuoco. Alle 21, un’ora esatta dopo l’allarme, le fiamme più imponenti erano già state domate anche se restavano diversi focolai, che continuavano a farsi strada anche fino ad arrivare sul tetto; il loro spegnimento e la messa in sicurezza ha richiesto quasi l’intera nottata. Dell’imponente rogo è stata informata anche la procura di Vicenza. L’Arpav, agenzia regionale della prevenzione e protezione ambientale. ha inviato i suoi tecnici per verificare se ci siano possibili danni ambientali. Un’eventualità che sarebbe esclusa, così come, per il momento, sembrerebbero esclusi pericoli legati all’inquinamento dell’aria, ma il rapporto definitivo si potrà avere solo nelle prossime ore. In via Tito Speri è subito accorso anche il sindaco di Cassola, Aldo Maroso: «Temevo avrebbe preso fuoco tutto - ha spiegato - incendi così fanno sempre immaginare il peggio. I vigili del fuoco sono stati grandiosi, anche il rischio inquinamento dovrebbe essere escluso, ma attendiamo i rapporti. È un’azienda importante, che dà lavoro a tante persone riparta in fretta». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesca Cavedagna
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1