Bocconi anti-lupo a Foza

Cane avvelenato
Cerca di salvarlo
e resta intossicato

.
La zona dove è avvenuto l'episodio
La zona dove è avvenuto l'episodio

L'ultimo respiro del suo amato cane poteva diventare anche il suo. Un 50enne fozese nel pomeriggio di giovedì ha rischiato grosso nel tentativo di salvare il suo cane che aveva ingerito un boccone, avvelenato.

 

L'uomo, nel cercare di indurre il vomito nel cane per salvarlo, lo ha preso in braccio e gli ha premuto forte sullo stomaco. La manovra ha provocato solamente una fuoriuscita di gas dallo stomaco che ha investito in faccia l'uomo. L'esalazione gli ha provocato uno svenimento tanto che i presenti che hanno assistito alla scena hanno subito chiesto l'intervento del 118.

 

I sanitari hanno accompagnato il 50enne all'ospedale di Asiago dove è stato ricoverato in osservazione ma non è in pericolo di vita. Per il cane purtroppo non c'è stato nulla da fare. Sul fatto stanno indagando sia i carabinieri forestali altopianesi sia la polizia provinciale che, dopo aver bonificato la zona con una squadra cinofila, stanno cercando di identificare la sostanza tossica per poter magari risalire all'autore del gesto. Il sospetto è che si tratti di bocconi avvelenati messi contro i lupi.

Gerardo Rigoni