Bassano del Grappa

Cade dalle scale, muore barista del Caffè Verdi

La vittima Ruggero Marchetti in un momento felice con la sua famiglia (Foto Ceccon)
La vittima Ruggero Marchetti in un momento felice con la sua famiglia (Foto Ceccon)
La vittima Ruggero Marchetti in un momento felice con la sua famiglia (Foto Ceccon)
La vittima Ruggero Marchetti in un momento felice con la sua famiglia (Foto Ceccon)

Noto barista del centro di Bassano cade dalle scale, probabilmente per un malore, e perde la vita: nella mattinata di ieri, nella sua casa di Pove del Grappa, è mancato Ruggero Marchetti, per tutti "Ronnie", 59 anni, titolare del Caffè Verdi, all'angolo di via Bonamigo con piazza Terraglio. I familiari sono sconvolti dal dolore: «Non sappiamo cosa sia accaduto, stava bene, aveva solo qualche linea di febbre da un paio di giorni. Era un toro, mai preso una pastiglia in vita sua».

Mancavano pochi minuti alle 10 quando la moglie di Marchetti, Rabiaa, 54 anni, ha fatto rientro a casa dopo alcune commissioni: «L'ho trovato esanime steso a terra, ho subito chiamato il 118 e ho iniziato a fargli il massaggio cardiaco. Non so nemmeno io come sono riuscita a reagire con così tanta determinazione, volevo solo salvarlo, volevo fare tutto il possibile fino all'arrivo dei soccorsi». Gli operatori del 118 sono arrivati nell'abitazione di via Romanelle, al centro di Pove del Grappa, nel giro di pochi minuti. Ma la situazione è apparsa subito chiara: per l'uomo non c'era più nulla da fare.

Stando a una prima ricostruzione, effettuata anche dai carabinieri, immediatamente allertati, pare che Marchetti sia scivolato sulla scala che collega il reparto notte dell'abitazione al primo piano. Nella caduta avrebbe battuto la testa contro un mobile. L'insieme delle circostanze, compreso l'eventuale malore che potrebbe aver causato la perdita dell'equilibrio, gli è stato fatale.

«L'ho trovato steso a terra - ripete Rabiaa -. Aveva qualche linea di febbre da martedì, ma non pareva stesse male. Il 1° ottobre si era sottoposto alla prima dose di vaccino, ma sono passate due settimane».

 

Il caffè Verdi in piazza Terraglio, chiuso per lutto
Il caffè Verdi in piazza Terraglio, chiuso per lutto

 

I figli Youness di 18 anni e Leila di 15, che erano a scuola, sono stati avvisati solo dopo: «E' una cosa molto difficile da metabolizzare per tutti noi - spiegano insieme - la nostra speranza è che papà venga ricordato da tutti per un piccolo momento che in tanti hanno passato con lui, anche mentre era dietro al suo bancone del bar. Era una persona d'oro, come ce ne sono poche. Riusciva a far sorridere sempre tutti, nel bene e nel male della vita. Per noi sarà davvero difficile adesso continuare a vivere senza il suo sostegno, la sua presenza. Però vorremmo che sapesse che resterà sempre con noi, che continueremo a ridere con lui delle cose della nostra vita. Era un papà davvero speciale».

Dell'incidente è stata immediatamente avvisata la procura della Repubblica di Vicenza, che sul caso ha aperto un fascicolo. L'obiettivo degli accertamenti è quello di fare piena luce sulle cause del decesso: il passaggio fondamentale sarà l'autopsia che verrà eseguita nei prossimi giorni.

Nella casa della famiglia si è recato il sindaco di Pove del Grappa, Francesco Dalmonte, che ha cercato di portare conforto: «Siamo vicini ai parenti in questo terribile momento. Ruggero in paese era persona stimata e benvoluta. La sua perdita è un lutto per tutti». . © 

Francesca Cavedagna

Suggerimenti