CHIUDI
CHIUDI

07.01.2020

Befana in risciò Festa all’insegna della sostenibilità

La piazza gremita di famiglieL’arrivo della Befana in piazza a bordo di un risciò anziché della tradizionale scopa  FOTOSERVIZIO CECCON
La piazza gremita di famiglieL’arrivo della Befana in piazza a bordo di un risciò anziché della tradizionale scopa FOTOSERVIZIO CECCON

Una Befana sostenibile, che ha diretto la propria scopa alla scoperta di stelle e pianeti, quella che la Pro Bassano e il gruppo Le arti per via hanno portato in centro storico in questa edizione della festa. E il gran numero di bimbi e genitori che ha accolto ieri pomeriggio la vecchina in piazza Libertà ha messo il sigillo «su feste natalizie - parole del sindaco Elena Pavan - trascorse esattamente come ce le immaginavamo, nel segno della tradizione e della partecipazione di grandi e piccoli». A dare il benvenuto, tra i giochi allestiti a ridosso dell’albero di Natale, la Befana ha trovato un terzetto di amici storici come i presidenti della Pro Bassano e de Le arti per via, Renzo Stevan e Gianni Posocco, e la voce di Radio Sorriso, Claudio Prospero. Accanto a loro, in costume a tema con la giornata, la bandorchestra e majorette “Giuseppe Bovo” di Carmignano. «Sostenibilità è la parola chiave del 2020 - ha commentato Stevan -. Per questo abbiamo voluto far arrivare la Befana in sella a un risciò assolutamente non inquinante. Propulsione a pedali grazie al delegato della Fiab Renzo Masolo, per lanciare un messaggio a tutti i presenti e non solo». «Come accade dagli anni ’80, Le arti per via sono a fianco della Befana - ha aggiunto Posocco -, questa volta con la “missione” di raccogliere fondi per la scuola per persone disabili voluta dall’ex sindaco Basso a Nova Bassano». Una raccolta fondi affidata al libro fotografico che racconta la storia del gruppo, in vendita nella sede della Pro Bassano. E se Epifania è sinonimo di tradizione, non sono comunque mancate alcune sorprese, ieri in piazza. Tra tutte il flipper-labirinto “Missione spaziale” ideato dal figurante de Le Arti per via, Giancarlo Rebellato, insieme ai figli Giovanni e Francesca. Un gioco ispirato a Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti, i due astronauti italiani, che ha innovato il panorama dei giochi tradizionali, dal labirinto al camino, alle prova di abilità proposti senza soluzione di continuità dalla metà degli anni ’80. Con l’occasione, il sindaco ha tracciato un primo bilancio delle festività, le prime alla guida della città. «La rassegna “Feste d’incanto” ha legato tra loro una serie di iniziative a tema natalizio dall’inizio di dicembre - ha detto -. E tra teatro, musica e spettacoli crediamo di essere venuti incontro ai gusti di tutte le età». E in un panorama «che – dice – ci soddisfa completamente», il sindaco individua due scelte particolarmente indovinate: «Il percorso a tema allestito grazie all’assessore Amodeo lungo le mura del castello - evidenzia concludendo il primo cittadino di Bassano - è una proposta da ripetere, su temi legati alla stagione, anche in altri momenti dell’anno. Allo stesso modo è stato vincente l’abbinamento alla solidarietà, prima della fondazione Otb che fa capo a Renzo Rosso, poi ai club service cittadini, promotori di una raccolta fondi dedicata ai più piccoli. Da oggi in poi questo deve sempre essere lo spirito delle festività bassanesi». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lorenzo Parolin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1