CHIUDI
CHIUDI

22.11.2019

Razzia di soldi e gioielli nelle case

Una veduta di via Bortoli, una delle zone prese di mira dalla malavitaLa caserma dei carabinieri di Asiago
Una veduta di via Bortoli, una delle zone prese di mira dalla malavitaLa caserma dei carabinieri di Asiago

Ladri in azione nel capoluogo altopianese. Negli ultimi giorni sono state registrate almeno due intrusioni in abitazioni e altrettanti tentativi non andati a buon fine ad Asiago. Episodi su cui stanno indagando i carabinieri della stazione di Asiago. Complessivamente la refurtiva ammonta a meno di un migliaio di euro. Qualche elemento del maltolto è già stato ritrovato, in particolare le chiavi di un’auto e alcuni oggetti personali, abbandonati in quanto impossibili da rivendere senza destare sospetti, ma c’è la possibilità che una banda abbia adocchiato l’Altopiano e dunque è bene prestare grande attenzione soprattutto quando fa buio. Il primo furto è avvenuto in via mons. Bortoli, nei pressi del plesso scolastico asiaghese, dove sono stati sottratti preziosi e piccoli oggetti, mentre il secondo colpo è stato messo a segno in via Lise, dove invece sono stati rubati sempre preziosi facilmente smerciabili. Che si tratti sempre della stessa gang, secondo le forze dell’ordine, viene confermato dal modus operandi, simile in tutti e quattro i casi. Infatti sono avvenuti tutti tra le 18 e le 20, ovvero appena diventa buio e prima che le persone rientrino a casa. Il fatto poi le case colpite fossero vuote al momento dei furti fa propendere le forze dell’ordine a ritenere che siano state studiate le abitudini delle vittime prima di mettere a segno le effrazioni oppure che le abitazioni colpite siano conosciute al malfattore. Non è esclusa comunque neanche la presenza quantomeno di un basista locale che possa aiutare a individuare le abitazioni in cui fare razzia. Inoltre in un caso il ladro si è introdotto in una casa attraverso una finestra posta al secondo piano e vicina a una grondaia, intrusione quindi compiuta da una persona abile fisicamente. Le forze dell’ordine stanno investigando in vari ambienti “particolari” dell’Altopiano e pare siano già state sentite delle persone. «È una tendenza che annualmente si ripete - commenta il sindaco Roberto Rigoni Stern -: si avvicina il periodo natalizio e i ladri si fanno di nuovo vivi. Poco però possiamo fare se non intensificare, per quanto possibile, le pattuglie della polizia locale con la collaborazione del comando carabinieri e della tenenza della guardia di finanza. Invitiamo comunque tutti a prestare particolare attenzione a movimenti sospetti e di assicurarsi della chiusura di porte e finestre di casa». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gerardo Rigoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Oltre al turismo quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo dell’Altopiano?
ok