CHIUDI
CHIUDI

24.06.2019

Malghe, i lupi
subito all'attacco
«Abbandonati»

Il vitello predato l’altra notte in zona Ekar ad Asiago
Il vitello predato l’altra notte in zona Ekar ad Asiago

ASIAGO. Due predazioni in tre giorni. Due vitellini, uno in località Ekar di Asiago e uno in Val dei Ronchi di Gallio, sono stati uccisi dai lupi accrescendo immediatamente la tensione tra allevatori e istituzioni. Da pochi giorni sull’Altopiano le mucche sono state liberate nei pascoli e le malghe hanno iniziato la tradizionale stagione dell’alpeggio. È bastato però che gli animali uscissero dalle stalle dopo il lungo inverno e il continuo maltempo della primavera perché i lupi riprendessero ad attaccare gli animali d’allevamento.  Una nuova “stagione della mattanza” come l’hanno definita alcuni allevatori che non nascondono rabbia e frustrazione: «Siamo stati abbandonati. Nessuno ascolta le nostre proteste».

 

Riuniti sotto lo slogan #salviamolemalghe gli allevatori esternano loro rabbia contro le associazioni di categoria ritenendole latitanti sul problema, preferendo le campagne a favore dei boschi dopo la tempesta Vaia che quelle a tutela dei loro associati. «Se avessero speso metà delle risorse che hanno usato per i boschi a sensibilizzare anche sulla questione lupi forse oggi non saremmo qui allarmati».

G.R.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Oltre al turismo quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo dell’Altopiano?
ok