CHIUDI
CHIUDI

10.09.2019

L’arte di strada nelle frazioni incanta oltre tremila visitatori

Un’immagine del festival internazionale svoltosi nelle frazioni di Roana
Un’immagine del festival internazionale svoltosi nelle frazioni di Roana

Grande riscontro di pubblico nelle frazioni di Roana, per la nona edizione del cuCufestival, il Festival Internazionale dell’Arte di Strada. Giocolieri, burattinai, prestigiatori del fuoco, acrobati, comici hanno animato le strade e le piazze dell’Altopiano dei Sette Comuni. Una vera e propria tradizione locale che ha attirato nelle sei frazioni oltre tremila spettatori in quattro giorni di spettacolo. Un pubblico vario, eterogeneo e di tutte le età: molte le famiglie, ma anche i turisti e gli appassionati di arte e circo contemporaneo. Protagonisti del festival sono stati gli undici straordinari artisti provenienti dall’Italia, dalla Francia, dalla Svizzera, dalla Finlandia e dall’Argentina, performer di primissimo livello che hanno intrattenuto ed emozionato gli spettatori per tutti i ricchissimi quattro giorni della manifestazione promossa e coordinata dal Comune di Roana, organizzata da Carichi Sospesi con la collaborazione delle Pro Loco comunali e la direzione artistica e tecnica di Carichi Sospesi di Padova. Nonostante il rischio maltempo il programma è stato interamente rispettato, valorizzando tutte le splendide location: il Nuovo Palazzetto a Canove, Piazza Fondi di Treschè Conca, il PalaCiclamino di Cesuna, il campo di schettinaggio di Camporovere, il parco di SelvArt di Mezzaselva e Piazza Santa Giustina di Roana. La magia ha avuto inizio con lo spettacolo Shock’em all di La Sbirindola, un duo italiano composta da un giocoliere e un batterista. E poi gli altri artisti, sparsi per le sei diverse location e nel corso dei quattro giorni di spettacolo: l’artista francese Jordi Panareda di Circ Pànic con la sua grande bilancia, il duo italiano Microband con il loro irresistibile concerto di musica comica, lo spettacolo acrobatico sul palo cinese degli argentini Cia Mas Til Y Menos Tal, il duo italo-romeno Samovar con Mic Circ Fratilor, lo spettacolo Le Bistro della compagnia svizzera E1NZ, Trashpeze dei finlandesi Wise Fools, l’elegante installazione di danza La filatrice dei sogni di Parola Bianca, la performance musicale Fata Foglia e le melodie del bosco di Erika Fumagalli, lo spettacolo di danza verticale tra gli alberi Arbol, in cui la compagnia francese Cuerpo Libre si adatta al parco SelvArt di Mezzaselva trasformandolo in una magica scenografia, e, infine, lo spettacolo di bolle di sapone tutto italiano Il soffio magico di Bubble on Circus. Il successo di questa nona edizione ha portato l’amministrazione locale e l’organizzazione a rinnovare il festival per i prossimi anni. Ci si prepara dunque a un’edizione da record, quella del decennale, in cui l’asticella della qualità sarà portata ancora più in alto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

G.R.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Oltre al turismo quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo dell’Altopiano?
ok