Marostica

Abusò della figlia
della compagna
Arrestato latitante

.
Un 53enne è finito in manette. ARCHIVIO
Un 53enne è finito in manette. ARCHIVIO

Sul suo conto pendeva una condanna per violenza sessuale, ma da oltre tre anni si era dato alla macchia. Nella giornata di ieri, però, dopo un lungo pedinamento i carabinieri di Marostica sono riusciti a rintracciato e ad arrestarlo. 

 

Protagonista della vicenda un 53enne, destinatario di un ordine di esecuzione pena in carcere di un anno e sei mesi per aver commesso atti sessuali con una minore. La condanna segue una vicenda nata nel 2005, quando una bambina confidò ai suoi insegnanti di essere stata accarezzata dal compagno della madre. Nonostante l'uomo abbia sempre negato le accuse, le indagini consentirono di stabilire con certezza che la bambina, rimasta sola con il compagno della madre, fu toccata contro la sua volontà nelle parti intime. Per questo il Tribunale condannò l’uomo, che ricorse ai vari gradi di giudizio, fino a quando, nel gennaio 2017, la Suprema Corte di Cassazione ha reso definitiva la condanna. Da allora l’uomo, per nulla d’accordo con la sentenza, si era sottratto alla sua esecuzione e per più di 3 anni si è dato alla macchia.

 

Alla sua cattura i carabinieri sono arrivati studiando i movimenti di amici e parenti. Quando ieri i militari lo hanno sorpreso all’interno della sua auto, il 53enne ha ammesso di aspettarsela e di essersi finalmente tolto un peso perché stanco della latitanza. Al termine delle formalità di rito è stato quindi portato in carcere a Vicenza.