Le caratteristiche

Si trovano nelle costellazioni della Lince e della Lira e la loro temperatura sfiora i 6mila gradi

Il controllo dei dati (Foto ERCEGO)
Il controllo dei dati (Foto ERCEGO)
Il controllo dei dati (Foto ERCEGO)
Il controllo dei dati (Foto ERCEGO)

Le stelle variabili scoperte si trovano nelle costellazioni della Lince e della Lira. Presentano variazioni causate da grandi macchie solari presenti sulla loro fotosfera, che fanno oscillare la luminosità degli astri con cicli ripetitivi dai 3 ai 10 giorni. Hanno masse simili a quella del sole, si trovano in un raggio di 500 anni luce dalla terra e hanno temperature superficiali tra 5.600 e 5.900 gradi centigradi. Grandissima la soddisfazione dei ragazzi che hanno visto ripagate le molte notti in osservatorio. Sono stati citati quali coautori della scoperta. Salgono così a 34 le nuove stelle scoperte al Marsec. «Per noi, che siamo volontari e che dovevamo il mattino successivo recarci al lavoro, è stata dura, ma l’entusiasmo e la preparazione dei ragazzi ci ha fatto scivolare tutta la stanchezza. La loro soddisfazione è stata la nostra più grande ricompensa», commenta Ivo Peretto direttore del Marsec. 

Matteo Pieropan