Chiampo

Storico imprenditore del marmo muore schiacciato dal muletto

L'esterno dell'azienda dove è avvenuta la tragedia dell'infortunio mortale
L'esterno dell'azienda dove è avvenuta la tragedia dell'infortunio mortale
L'infortunio mortale a Chiampo

È morto sul lavoro, schiacciato dal muletto che stava conducendo e che gli si è fatalmente rovesciato addosso. La vittima è Ivano Farinon, 66 anni, storico marmista della Valchiampo da più di quarant'anni. È deceduto nella propria azienda, la Fmg Shapes in via Fabbrica 4 a Chiampo, al confine con il territorio di San Pietro Mussolino. L'incidente è avvenuto verso le 18.30, mentre l'imprenditore (ora il legale rappresentante è uno dei figli) stava conducendo un carrello elevatore all'interno dell'area della fabbrica. Farinon era intento a lavorare con il muletto quanto per cause in corso di accertamento si è rovesciato con il mezzo dal piano stradale cadendo nel deposito al piano sottostante. Molto probabilmente era intento a spostare del materiale quando per cause ignote ha perso il controllo del mezzo.

Il Suem è intervenuto nel capannone in via Fabbrica, per tentare di soccorrere l'uomo rimasto incastrato sotto il muletto. I vigili del fuoco sono giunti alle 19.15 con una squadra, cui si sono aggiunti altri mezzi in supporto. I pompieri da Arzignano hanno rimosso il mezzo e messo in sicurezza per consentire i soccorsi all'uomo, assieme all'equipe medica del Suem 118 che ha provato a rianimarlo, ma il medico non ha potuto fare altro che dichiararne la morte. Disperati i familiari e i dipendenti dell'azienda, che nulla hanno potuto di fronte alla tragedia.

È da chiarire l'esatta dinamica dell'infortunio mortale. Difficile al momento stabilire se all'origine vi sia stato un malore, un guasto del mezzo, o altro. Stando ad una prima ricostruzione, sembra che la vittima stesse portando del materiale lungo una strada in leggera salita, quando il muletto avrebbe cominciato ad indietreggiare, cadendo nel deposito lastre al piano interrato e adagiandosi su un fianco. Saranno ulteriori accertamenti a fare luce sulle cause del decesso, se si sia trattato di uno schiacciamento o di traumi riportati nella caduta.

Per il 66enne, residente a Chiampo ed esperto della lavorazione del marmo, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Sul posto sono giunti i carabinieri della stazione di Chiampo e gli ispettori dello Spisal. I rilievi sono proseguiti fino a tarda sera. L'area dell'infortunio e il veicolo sono stati posti sotto sequestro.

Farinon era molto conosciuto in vallata per la lunga tradizione nella lavorazione del marmo. La Fmg Shapes, che raccoglie l'eredità dell'esperienza imprenditoriale di Ivano Farinon, è un'azienda che ogni mese lavora 4 mila metri quadrati di marmo con prodotti di alto design e progetti innovativi. La ditta oggi è condotta da Daniele (responsabile commerciale) e Simone (responsabile ufficio tecnico), figli della vittima, che hanno accumulato esperienza sul campo, trasmessa proprio dal padre e dal nonno Giovanni, tra i primi marmisti del distretto.