CHIUDI
CHIUDI

26.09.2019

Movida, giro di vite Bar chiusi alle 2 e blitz nelle piazze

Aumenteranno i controlli  nelle piazze per evitare nuovi gravi episodi durante la movida notturna
Aumenteranno i controlli nelle piazze per evitare nuovi gravi episodi durante la movida notturna

Il provvedimento era nell’aria, ma ieri mattina ha trovato l’avallo del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica: chiusura dei bar alle 2, per evitare episodi violenti o dettati dall’euforia alcolica da parte dei giovani che stazionano nelle piazze del centro di Arzignano, soprattutto nei fine settimana. La decisione dell’Amministrazione comunale, contro la movida scatenata, è stata accolta con favore durante la riunione ospitata in Prefettura a Vicenza con i vertici delle forze dell’ordine e delle istituzioni provinciali. In più ieri si è discusso dell’aumento di controlli notturni, soprattutto dalle 2 alle 5 cioè nella fascia oraria più a rischio e in cui si sono già verificati episodi gravi: non ultimi quelli del pugno sferrato in pieno volto a un 24enne con ricovero nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale San Bortolo di Vicenza e della gara di bestemmie urlate tra giovani ubriachi, come riferito in questi giorni sulle pagine del nostro Giornale e confermate dall’Amministrazione comunale. «Ringraziamo tutte le istituzioni civili e militari coinvolte nel tavolo di confronto del comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico in Prefettura - hanno spiegano ieri mattina il sindaco Alessia Bevilacqua e il vicesindaco e assessore alla sicurezza Enrico Marcigaglia, appena usciti dalla riunione in cui sarebbe stata affrontata anche la questione legata a una sorta di possibile daspo per i responsabili dei comportamenti più violenti-. Si tratta di provvedimenti urgenti e indispensabili da prendere per contrastare questo fenomeno di degrado urbano e di inciviltà, oltre che di estrema gravità. Siamo favorevoli a qualunque iniziativa possa, con l’aiuto delle forze dell’ordine, mettere un freno a questi comportamenti inaccettabili. È stata affrontata la questione arrivando alla conclusione che saranno messi in atto maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, potenziando quelli già presenti. A brevissima scadenza, organizzeremo un incontro con i baristi per presentare il progetto e affrontare la questione in modo condiviso». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giancarlo Brunori
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1