Montecchio Maggiore

Green pass, a rischio la raccolta rifiuti. L'allarme di Agno Chiampo Ambiente

La sede di Agno Chiampo Ambiente
La sede di Agno Chiampo Ambiente
La sede di Agno Chiampo Ambiente
La sede di Agno Chiampo Ambiente

Introduzione del green pass nei luoghi di lavoro, la società Agno Chiampo Ambiente annuncia possibili disagi nella raccolta dei rifiuti nei 22 comuni serviti dell'Ovest Vicentino, dove risiedono oltre 170 mila utenti. «È uno scenario particolarmente incerto e preoccupante. Temiamo per le conseguenze che potrebbe avere sulla regolarità del servizio». Non usa mezzi termini il presidente di Agno Chiampo Ambiente, Alberto Carletti, in merito agli effetti che potrebbe avere, a partire dal 15 ottobre, l’introduzione dell’obbligo del green pass nei luoghi di lavoro.

«Sia ben chiaro che non sono contrario a questa norma orientata innanzitutto alla tutela della salute pubblica - spiega Carletti - ma non posso nascondere la preoccupazione di fronte all’eventualità che alcuni addetti rimangano assenti per la mancanza del Green pass e si produca quindi la riduzione della forza lavoro, che causerebbe inevitabilmente grosse difficoltà nell’erogazione dei nostri servizi. In questa situazione, pertanto, come azienda ci risulta del tutto impossibile prevedere se l’attuale assetto dei servizi erogati risulterà inalterato o meno. Di questo ho già informato i Comuni soci e la Prefettura».

Continua il presidente di Agno Chiampo Ambiente: «Stiamo comunque approntando i migliori strumenti organizzativi per salvaguardare i servizi erogati. Non posso però non sottolineare che, nonostante essi rientrino tra i servizi pubblici essenziali, la normativa non ha previsto alcuna disposizione particolare, esponendo la collettività al rischio di interruzione dei servizi stessi. Nel caso in cui si dovessero verificare riduzioni della forza lavoro, la società si vedrà costretta, suo malgrado, ad operare delle scelte strategiche per assicurare la continuità dei servizi affidatici, dando priorità alla raccolta stradale porta a porta dei rifiuti solidi urbani».

Conclude: «Invito, comunque, i nostri utenti, ossia i cittadini, a controllare se la raccolta dei rifiuti sarà regolarmente avvenuta e, in caso contrario, a ritirare il contenitore per riesporlo nel successivo turno di raccolta».

 

Suggerimenti