CHIUDI
CHIUDI

20.03.2019

Distrutto rilevatore
dell'aria di Arpav
Caccia ai vandali

La centralina Arpav distrutta dai vandali
La centralina Arpav distrutta dai vandali

ARZIGNANO. La centralina per il controllo dell’aria, posizionata dai tecnici dell’Arpav su un palo di illuminazione in via Altura ad Arzignano, è stata distrutta nei giorni scorsi. L’Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto ha sporto denuncia alla locale stazione dei carabinieri.

La centralina, definita tecnicamente “campionatore passivo”, serve per rilevare l’idrogeno solforato presente nell’aria a tutela dei cittadini. Il misuratore è contenuto in una scatola “capannina di contenimento” collocata in via Altura il 4 marzo scorso. Giovedì 14 i tecnici Arpav, tornati per recuperare i campioni, l’hanno trovato distrutto con la conseguente perdita di dati.

Non si tratta di un episodio isolato, negli anni scorsi altri campionatori, collocati ad Arzignano, erano stati danneggiati. Arpav ha informato dei vari episodi anche il Comune di Arzignano e la Provincia di Vicenza.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1