Il delitto

Ritrovata in un pollaio la pistola utilizzata per l'omicidio di Rita

L'arma si trovava, avvolta in un sacco, nel locale adiacente l'abitazione di famiglia a Villaga
L'arma si trovava, avvolta in un sacco, nel locale adiacente l'abitazione di famiglia a Villaga
L'arma si trovava, avvolta in un sacco, nel locale adiacente l'abitazione di famiglia a Villaga
L'arma si trovava, avvolta in un sacco, nel locale adiacente l'abitazione di famiglia a Villaga

Oggi pomeriggio, su indicazioni fornite spontaneamente agli inquirenti da Pierangelo Pellizzari, l’uomo accusato dell’omicidio della moglie Rita Amenze avvenuto venerdì scorso a Noventa, i militari del Nucleo investigativo di Vicenza hanno ritrovato in un pollaio la pistola, oggetto del delitto. L'arma si trovava, avvolta in un sacco, nel locale adiacente l'abitazione di famiglia a Villaga, dove sabato scorso è stato fermato l'omicida.

Durante l'interrogatorio in carcere di convalida, con i pm Hans Roderick Blattner e Angelo Parisi, oggi il 61enne si è avvalso della facoltà di non rispondere per la seconda volta, dopo l’interrogatorio avvenuto il giorno dell’arresto a 30 ore dalla fuga. Pellizzari ha però rilasciato spontanee dichiarazioni fornendo agli investigatori elementi utili per il ritrovamento dell’arma del delitto, una pistola semiautomatica.

 

Leggi anche
La sorella e i familiari di Rita chiedono giustizia. Il killer fa ancora scena muta

 

Oltre all'arma, nel pollaio è stato rinvenuto un contenitore con numerosi colpi dello stesso calibro di quelli sparati venerdì a Noventa. Effettuati i rilievi, pistola e munizioni sono state poste sotto sequestro a disposizione dell'autorità giudiziaria per futuri e ulteriori accertamenti.

Suggerimenti