CHIUDI
CHIUDI

14.08.2019

Deceduto sul Gran Sasso Oggi rientrerà la salma

I nove alpinisti noventani sul Gran Sasso; Toto è il terzo da destra.   F.B.
I nove alpinisti noventani sul Gran Sasso; Toto è il terzo da destra. F.B.

Avverrà nel pomeriggio di oggi il rientro a Noventa dall’ospedale “San Salvatore” de L’Aquila della salma di Antonio Toto, il sessantacinquenne geometra noventano deceduto domenica pomeriggio per un infarto durante la seconda giornata del trekking che sarebbe dovuto durare una settimana sul massiccio del Gran Sasso, assieme ad altri otto componenti del Cai noventano. Il gruppo di appassionati di montagna era partito dal rifugio Duca degli Abruzzi con meta la vetta del Gran Sasso che Antonio Toto (uno dei due responsabili del trekking) non se l’era sentita di raggiungere avvertendo alcuni leggeri disturbi, che in un primo momento sembrava aver superato, e che invece ricomparsi più intensamente nel primo pomeriggio durante la fase di discesa. A quel punto è stato subito allertato il Soccorso alpino, con i volontari che una volta raggiunta la comitiva hanno praticato all’escursionista vicentino il massaggio cardiaco, con successivo trasferimento con l’eliambulanza all'ospedale de L’Aquila dove purtroppo Antonio Toto è deceduto tra la disperazione dei compagni di spedizione. «Faceva un caldo torrido e mi trovavo qualche centinaio di metri più avanti rispetto ad Antonio, ma solo dopo il continuo volteggiare dell’elicottero ho iniziato a comprendere la gravità della situazione» commenta incredulo il sossanese Livio Fattori che aveva condiviso con Antonio innumerevoli uscite. «Come amministratore ho beneficiato della sensibilità paesaggistica e del lavoro competente e attento svolto da Antonio che nel corso dei suoi 14 anni di lavoro nel nostro Comune, ha contribuito con i suoi progetti alla realizzazione di molteplici opere architettoniche e infrastrutturali - lo ricorda il sindaco di Villaga, Eugenio Gonzato -. Inoltre non possiamo dimenticare l'ingente impegno profuso dallo stesso per le attività sociali e sportive del Comune, in particolare come allenatore di calcio, dei bambini e dei ragazzi del Villaga, per oltre un decennio, e l’aiuto profuso ad altre società sportive come Pilastro, Sossano e Grancona. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Felice Busato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1