CHIUDI
CHIUDI

27.03.2019

Strada del cimitero più sicura Al via i lavori per il marciapiede

Il nuovo percorso pedonale sarà lungo 400 metri.GUARDAI lavori interessano la strada del cimitero di Almisano.GUARDA
Il nuovo percorso pedonale sarà lungo 400 metri.GUARDAI lavori interessano la strada del cimitero di Almisano.GUARDA

Partiranno a breve i lavori di realizzazione del marciapiede del cimitero di Almisano, frazione di Lonigo. E sarà un appalto “a chilometro zero”, come auspicato da Confartigianato. Ieri è stata infatti avviata la procedura per la selezione dell’azienda che eseguirà l’atteso intervento per mettere in sicurezza il tratto che dal centro abitato porta al camposanto. L’opera riguarda la costruzione di 400 metri di pista pedonale che correranno paralleli a via Pozzola, a partire dall’incrocio con via Tornadori. Il costo sarà di 126 mila euro compreso il finanziamento statale da 100 mila euro ottenuto grazie alla legge di stabilità, con il rimanente importo che sarà affrontato dalle casse comunali. Una parte della spesa è dovuta agli accordi bonari di cessione dei terreni di un paio di aziende agricole. «Il marciapiede era atteso – precisa l’assessore ai lavori pubblici, Giuseppe Gaspari – Via Pozzola è una strada stretta e chi deve raggiungere il cimitero a piedi si trova costretto a camminare sulla carreggiata, per cui occorreva garantire una maggior sicurezza. Quando si è presentata l’occasione di chiedere il finanziamento offerto dalla legge di stabilità, abbiamo colto la palla al balzo. Avevamo pronto il progetto preliminare della passata amministrazione e lo abbiamo reso esecutivo». E sulla selezione delle aziende per fare i lavori il presidente del mandamento di Lonigo di Confartigianato, Luigino Bari, invita i Comuni a scegliere aziende locali. «Invitiamo le amministrazioni comunali – afferma – ad affidare i lavori ad aziende che siano del territorio perché queste ci mettono la faccia e hanno quindi, molto più di altre, l’interesse ad eseguire al meglio le opere. Non occorre per forza che siano di Lonigo, l’importante è che, nel rispetto dei limiti sulle possibilità di scelta offerte ai Comuni dalla legge, siano convocate preferibilmente aziende della zona, proprio per la loro intrinseca garanzia». «Condividiamo - dice il sindaco Luca Restello - la proposta per cui quando sarà possibile realizzare un intervento con l’affidamento diretto, lo faremo verso ditte del territorio, nel pieno bilanciamento degli interessi pubblici e dell’economia locale». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Matteo Guarda
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1