CHIUDI
CHIUDI

16.06.2019

La Via della seta passa anche per il Vicentino

La delegazione vicentina con il sottosegretario Picchi a Roma.   L.Z.
La delegazione vicentina con il sottosegretario Picchi a Roma. L.Z.

Continua l’azione del sindaco Luca Restello per consolidare i rapporti di scambio culturale e commerciale con il Kazakistan. Dopo aver effettuato due viaggi nel lontano paese asiatico - nell’ultimo è stato dal sindaco di Vicenza e presidente provinciale - e aver gettato le basi per un intenso rapporto di collaborazione, non solo con Lonigo ma con tutto il territorio vicentino, Restello si è recato a Roma per illustrare a livello centrale i progressi compiuti. Nella trasferta romana lo hanno accompagnato il vicepresidente di Confindustria Vicenza Remo Pedon, l’onorevole leghista Erik Pretto e il mediatore culturale con il Kazakistan Diego Marcazzan. La delegazione vicentina è stata accolta al palazzo della Farnesina dal sottosegretario agli affari esteri Guglielmo Picchi. «Siamo stati ricevuti molto cordialmente - riferisce il sindaco Restello – e il sottosegretario ha manifestato grande interesse per la nostra iniziativa. Assieme al rappresentante di Confindustria abbiamo illustrato i vantaggi che una relazione di partnership con il Kazakistan può presentare per le nostre imprese sotto molti profili industriali. Particolarmente interessanti si annunciano le opportunità legate al comparto agro industriale». Inevitabili i riferimenti al progetto internazionale denominato “Via della seta”, un vasto programma governativo di avvicinamento tra l’Italia e l’Estremo Oriente che può trovare nel Kazakistan, paese in vertiginosa crescita commerciale, ricco di risorse naturali e strategicamente collocato a metà del percorso verso la Cina, un decisivo punto di passaggio. «Il contatto diretto col sottosegretario Picchi – conferma Restello - ha avuto proprio lo scopo di preparare il terreno per inserire l'operazione Lonigo-Kazakistan nell’ampio progetto della nuova “Via della Seta”. Sono enormi le possibilità di sviluppo che un accordo del genere offre per esportare in un’economia in forte sviluppo le tecnologie e le capacità manageriali e produttive delle nostre industrie. Sono orgoglioso di veder crescere e svilupparsi con ottime prospettive un’idea nata a Lonigo che si sta affermando ai più alti livelli». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Zonin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1