CHIUDI
CHIUDI

01.12.2019

Il primo cittadino risponde alla domanda di attualità

La polemica innescata dai dubbi sorti nei giorni scorsi circa la regolarità del nuovo polo universitario di Lonigo non poteva non destare l’attenzione del Consiglio comunale. È stato il capogruppo di maggioranza Leonardo Toto a portare l’argomento all’attenzione dei colleghi con una “domanda di attualità” rivolta al sindaco Luca Restello. «La stampa – ha affermato il consigliere – ha diffuso nei giorni scorsi delle notizie allarmanti, suscitate da un’interrogazione del Movimento 5 Stelle, circa la legittimità del percorso universitario attivato dalla pubblica amministrazione. Chiediamo di conoscere in modo trasparente se la scuola funziona regolarmente e se lo sforzo profuso dagli allievi ha un regolare riscontro accademico, anche per capire se i soldi pubblici investiti per attrezzare la sede universitaria di palazzo Pisani sono stati spesi utilmente». Il sindaco ha affermato di essere rimasto molto sorpreso dalle affermazioni con cui Daniele Gallo, direttore didattico della società Umanitaria, alla quale è affidato l’insegnamento, ha dichiarato al nostro giornale che quella di Lonigo non può essere considerata come sede universitaria e che la struttura presente a palazzo Pisani non è altro che uno sportello di orientamento. Il professore si è fatto vivo con una lettera inviata al Comune, che il sindaco ha letto e che trattiamo nel pezzo a fianco. Il capogruppo di maggioranza si è a quel punto dichiarato soddisfatto delle risposte ricevute dal primo cittadino. Riferendosi all’annuncio del sindaco di voler presentare querele, il consigliere di minoranza Luca Lazzari ha consigliato al primo cittadino di sentirsi appagato dalle rassicurazioni ottenute e di evitare di sporgere querele, mantenendo il confronto sul piano strettamente politico. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Zonin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1