CHIUDI
CHIUDI

18.05.2019

Concia ecologica, l’idea di Restello

Pelli stoccate in conceria
Pelli stoccate in conceria

Una trasmissione di RaiTre dedicata alle tecniche di produzione in atto nel distretto conciario di Santa Croce sull’Arno, in provincia d Pisa, ha suggerito al sindaco di Lonigo Luca Restello l’avvio di un’iniziativa per verificare se sia possibile portare dalle nostre parti il “Modello toscano” di produzione della pelle. «Il direttore del Polo tecnologico toscano (Po.Te.Co) Domenico Castiello – spiega il sindaco – ha descritto un modello di economia circolare che prevede la lavorazione delle pelli senza utilizzo di soluzioni chimiche di origine industriale. Il processo produttivo si avvale dell’utilizzo di acqua reflue e civili che vengono filtrate nel depuratore consortile e quindi impiegate nelle industrie conciarie, senza che queste debbano estrarre acqua dal sottosuolo. Inoltre, nel processo iniziale della concia, la pelle viene stabilizzata con una soluzione zuccherina e gli scarti di frutta e verdura vengono successivamente usati per la colorazione della pelle. Una nuova frontiera ecologica evoluta e molto interessante che mi auguro si possa allargare al polo conciario di Arzignano». Per questo motivo Restello si è rivolto al Centro di ricerca pisano chiedendo di ottenere maggiori informazioni in merito al sistema di produzione attuato nel distretto conciario toscano. Contestualmente ha inviato una comunicazione all’amministratore delegato di Acque del Chiampo Andrea Pellizzari e al presidente del Bacino Valle del Chiampo Giorgio Gentilin per “sollecitare una presa di contatto con il funzionario del Po.Te.Co. e a trasmettere ai soci una informativa riguardo agli sviluppi e alla praticabilità di tale nuova tecnologia”. «Salvo che la trasmissione di RaiTre non sia dimostrata fasulla – conclude il sindaco di Lonigo – e le affermazioni del dottor Casiello prive di fondamento scientifico e pratico, credo che la notizia sia oltremodo importante, sia per la tutela della produzione industriale e del lavoro delle maestranze, sia per la salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Zonin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1