CHIUDI
CHIUDI

11.01.2020

Illeciti nelle abitazioni Scattano le denunce

I controlli sono stati fatti dagli agenti della polizia locale. ARCHIVIO
I controlli sono stati fatti dagli agenti della polizia locale. ARCHIVIO

Due persone denunciate, 25 private della residenza anagrafica, un altro paio deferite all’autorità giudiziaria per l’espulsione, tre allacci abusivi ai rifornimenti energetici rilevati: è questo il risultato di una vasta operazione di controllo svolta in alcuni condomini di Lonigo e di Sarego dagli agenti della polizia locale leonicena in collaborazione con i carabinieri e con l’Unità di igiene e sanità pubblica dell’Ulss n. 8. «L’intervento – spiega il comandante della polizia locale Alessandro Rigolon – è partito a seguito delle segnalazioni inviate da alcuni cittadini e ha riguardato in primo luogo il contrasto al sovraffollamento degli alloggi, la regolarità delle condizioni igienico-sanitarie e il rispetto delle norme migratorie. Durante i controlli sono state identificate 50 persone, per la maggior parte di provenienza straniera, due delle quali sono risultate prive dei documenti d’identità. I rilievi foto-dattiloscopici eseguiti sui due soggetti hanno rilevato l’identità di C. H., marocchino di 23 anni in Italia senza permesso di soggiorno, e M. F., connazionale di 27 anni, destinatario di un provvedimento di espulsione emanato nel 2016 dal questore di Palermo. Per entrambi sono state avviate le procedure per l’allontanamento dal territorio nazionale». Altri reati di minor gravità sono stati riscontrati durante le operazioni di controllo delle unità abitative. «Alcuni appartamenti – conferma Rigolon – sono risultati irregolari sotto il profilo sanitario e per la presenza di allacci energetici abusivi, segnalati ai gestori del servizio. Due cittadini ghanesi sono stati sanzionati per aver ospitato un loro connazionale senza averne dato comunicazione all'autorità di pubblica sicurezza. Sono stati constatati anche alcuni casi di abbandono incontrollato di rifiuti. Infine, per una ventina di residenti verrà avviata la procedura di cancellazione anagrafica in quanto, benché residenti, non sono da tempo dimoranti nelle rispettive abitazioni». Ha avuto esito positivo anche l’indagine avviata a seguito di un violento litigio verificatosi mercoledì in via San Giovanni tra italiani e stranieri. Due dei protagonisti (J.S.E. di 21 anni e E.Q. I. di 32 anni, entrambi marocchini) sono risultati privi del titolo di permanenza in Italia e deferiti alla questura di Vicenza. Sono ancora in corso gli accertamenti per definire i contorni dell'episodio: al momento nessuno dei coinvolti ha presentato querela per lesioni o altri reati. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Zonin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1