CHIUDI
CHIUDI

12.05.2019

Il boscaiolo ucciso
In 2 anni 80 alibi
ma zero indagati

Mauro Pretto, 47 anni, freddato davanti alla sua abitazione a Zovencedo
Mauro Pretto, 47 anni, freddato davanti alla sua abitazione a Zovencedo

ZOVENCEDO. Un’ottantina di persone sospettate, ma nessun indagato. Decine di piste battute che hanno condotto ogni volta a un vicolo cieco. L’assassino di Mauro Pretto, il boscaiolo quarantasettenne ucciso due anni fa in contra’ Gazzo a Zovencendo con una fucilata, è ancora libero. L’indagine condotta dai carabinieri del nucleo investigativo e coordinata dal pubblico ministero Maria Elena Pinna, però, non si ferma. Nonostante le difficoltà, l’omicidio dei Berici non diventa un cold case. Il corpo senza vita di Pretto, 47 anni, così innamorato della natura da scegliere di andare a vivere in mezzo al bosco, è stato scoperto la mattina del 13 maggio del 2017 all’ingresso del casolare dove abitava. L’assassino gli aveva sparato nel corso della notte precedente da 7-8 metri di distanza.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1