Lonigo

Assalto in villa, un altro arresto: basista in manette

Assalto in villa a Lonigo, dopo gli arresti dei mesi scorsi la polizia di Milano e di Vicenza ha eseguito in provincia di Verona l’ordinanza di misura cautelare nei confronti di  Pasquale Pecorella che, secondo la ricostruzione degli inquirenti, aveva partecipato il 27 gennaio scorso al tentativo di rapina in villa ai danni di un imprenditore di Lonigo, con il ruolo di “basista”

Pecorella avrebbe infatti segnalato ai tre complici stranieri - Branko Markovic, Amir Porcic e Shkelzen Kastrati, l’obiettivo da colpire, ovvero la villa di un imprenditore operante nel settore delle pelli. Aveva riferito particolari sulle abitudini della vittima e della famiglia, dettagli sulla presenza di telecamere e dell’allarme in casa, oltre a informazioni sulle auto di proprietà dei figli e sugli itinerari percorsi dall’imprenditore al ritorno dall’azienda.

Pecorella è anche accusato di aver fornito supporto logistico, accompagnando gli esecutori materiali della rapina in un hotel dove non erano stati registrati i documenti, in modo tale che i complici si potessero muovere in completo anonimato.

Leggi anche
Tentano l'assalto alla casa di un imprenditore: presa la banda delle rapine in villa

Il 27 gennaio i tre cittadini stranieri erano stati arrestati: arrivati alla villa, infatti, c'erano gli agenti appostati che li aspettavano. 

Uno era stato bloccato subito, gli altri due avevano tentato di fuggire tra i campi ma erano stati fermati poco dopo a bordo di un'auto, prima di riuscire a lasciare definitivamente la zona.

 

Suggerimenti