Vip & Curiosità

Da una pista all’altra: applausi per Marcell Jacobs e Nicole a «Ballando con le stelle»

Dalle prove all'esibizione, con la moglie, un altro impegno "top level" superato
Marcell Jacobs e Nicole Daza sul palco di "Ballando con le stelle"
Marcell Jacobs e Nicole Daza sul palco di "Ballando con le stelle"
Marcell Jacobs e Nicole Daza a "Ballando con le stelle"

Marcell Jacobs, campione olimpico in carica dei 100 metri piani, è tornato sulla pista.. ma da ballo. Ospite speciale ieri sera, insieme alla moglie Nicole Daza, di «Ballando con le stelle», l'arcinota trasmissione di Rai 1 condotta da Milly Carlucci e Paolo Belli che ha celebrato così la prima semifinale (per gli appassionati: la seconda sarà venerdì prossimo). Il doppio campione olimpico (e campione europeo e mondiale indoor, e campione europeo all'aperto) è diventato così «ballerino per una notte»: si è esibito all'Auditorium Rai del Foro Italico di Roma, in una coreografia realizzata ad hoc per il 28enne gardesano e la novella sposa Nicole (sono convolati a nozze a settembre, ricordiamo, a Gardone Riviera), poi giudicata dalla giuria in studio capitanata da Carolyn Smith e rinforzata da altri grandi classici di «Ballando» come Guillermo Mariotto, Fabio Canino, Ivan Zazzaroni e Selvaggia Lucarelli.

Ci piace ballare, ci divertiamo. L'ultima volta al matrimonio

In questi giorni i preparativi, le prove in studio («Mi sento un palo», diceva Marcell, con Nicole a rasserenarlo: «Amore tranquillo, sciogliti che andrà tutto bene»), l'annuncio solo a poche ore dalla messa in onda e qualche anticipazione social a firma Nicole Daza, che ha inquadrato (e pubblicato) i figli Anthony e Meghan impegnati in una serie di simpatici passi di danza: «Stanno imitando mamma e papà», ha scritto Nicole in una story postata ieri su Instagram.

Marcell e Nicole durante le prove: superata la prova anche sulla pista di «Ballando con le stelle»
Marcell e Nicole durante le prove: superata la prova anche sulla pista di «Ballando con le stelle»

Introdotti dai video delle vittorie di Marcell, il campione e Nicole hanno parlato della loro esperienza con il ballo («ci piace ballare, ci divertiamo, l’ultima volta insieme è stata al matrimonio, ci guardavano tutti, un po’ come qui...») e poi la promessa: «Ci divertiremo e vi faremo divertire».

Marcell disinvolto sul palco. Poi, applausi scroscianti

E così è stato: Marcell subito disinvolto sul palco, in abito nero, con quattro ballerine con lui, si è ben disimpegnato in un pezzo ritmato prima che Nicole arrivasse alle sue spalle e, con la musica del «Tempo delle mele», gli ha fatto indossare delle cuffie: poi hanno insieme ballato un lento e poi ancora via di ritmo di coppia, molto bene, prima di concludere al top.

Applausi scroscianti, pubblico in delirio: non poteva andare meglio. La giuria ha approvato: 3 i «nove», 2 i «dieci» anche se Marcell, sorridendo ha detto di preferire i «nove e mezzo». Poi la promessa di tornare, firmata dai due due, «magari dopo aver corso 9’57».

Marcell Jacobs insieme alla moglie Nicole Daza
Marcell Jacobs insieme alla moglie Nicole Daza

L'ennesimo impegno mondano della coppia più cliccata dello sport

Così Marcell Jacobs, allenato al punto giusto e affiatato come si deve con la donna della sua vita, ha dimostrato di sapersela cavare anche con il ballo: è l'ennesimo impegno mondano di queste settimane della coppia più cliccata dello sport italiano (e non solo), dopo la trasferta ad Abu Dhabi per assistere all'ultimo Gran Premio di Formula 1, dove tra l'altro lo sprinter delle Fiamme Oro ha pure incontrato il suo idolo Usain Bolt (insieme al cantante Usher) e ha comunque continuato con la preparazione, accompagnato dal suo golden coach Paolo Camossi.

Il calendario (provvisorio) di Jacobs prevede ora un ritorno a Brescia e sul Garda, forse per metà dicembre, e poi la tradizionale trasferta a Tenerife per gli allenamenti di fine e inizio anno, tra dicembre e gennaio. Nel 2023 dovrebbe tornare in pista (al chiuso) già il 4 febbraio in Francia o in Polonia, in vista dell'appuntamento con gli Europei indoor di Istanbul (ai primi di marzo). 

Alessandro Gatta