La beffa

Pirlo, caparra da 500 mila euro per la villa di un oligarca, ma ora è sequestrata

Ha versato una caparra di 500 mila euro ad un oligarca russo per una villa a Forte dei Marmi. Ma Andrea Pirlo è rimasto beffato perchè la villa è stata sequestrata. La notizia è rilanciata oggi da il quotidiano Il Messaggero. L’ex allenatore della Juventus, che avrebbe dovuto concludere l’operazione entro fine agosto, versando altri 2,6 milioni di euro, non sapeva che il magnate, molto vicino a Vladimir Putin, era invischiato con una precedente causa legale con l’agenzia immobiliare tramite la quale aveva acquistato la proprietà. Con l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, e le conseguenti sanzioni dell’Unione europea contro gli oligarchi, l’imprenditore russo aveva deciso di vendere tutto prima che i suoi beni venissero sequestrati. 
È in questo momento che il campione del mondo italiano fa la sua proposta d’acquisto versando la caparra da mezzo milione di euro. Ma l’agenzia immobiliare che aveva il contenzioso legale con l’attuale proprietario ha deciso di tutelarsi e ha chiesto il sequestro preventivo degli immobili dell’oligarca, la villa che Pirlo stava per acquistare e un altro immobile sul quale l’allenatore aveva anche messo gli occhi. Ora Pirlo dovrà attendere che la situazione si sblocchi ma potrebbe passare parecchio tempo.