Vip & Curiosità

Oscar, l'Italia in corsa per tre statuette: con la Pausini e "Pinocchio" di Garrone

Laura Pausini candidata all'Oscar con con "Io Si"
Laura Pausini candidata all'Oscar con con "Io Si"

Due nomination agli Oscar per Pinocchio di Matteo Garrone: è candidato per i costumi di Massimo Cantini Parrini e per il make up di Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti. L'annuncio oggi ma la cerimonia delle statuette sarà il 25 aprile. Laura Pausini è invece stata candidata agli Oscar per "Io Si" nella categoria della miglior canzone originale per il film "La vita davanti a sè" di Edoardo Ponti.

«Una canzone in italiano nominata agli Oscar!!!! Sono così onorata di rappresentare l'Italia in una delle cerimonie più importanti dell'industria dell'intrattenimento mondiale. Sapere che sono nominata agli Oscar va oltre qualunque desiderio o aspettativa potessi sognare» ha commentato la Pausini.

"Notturno" di Gianfranco Rosi è rimasto fuori dalle nomination agli Oscar. Il film di Rosi era entrato nella shortlist dei quindici migliori documentari ma è stato escluso dalla cinquina.

 

LE ALTRE NOMINATION. Due donne registe hanno ottenuto la nomination agli Oscar, ed è la prima volta nella storia quasi centenaria degli Academy Awards: sono Chloe Zhao e Emerald Fennell, rispettivamente per "Nomadland' e "Promising Young Woman'.

Chadwick Boseman, l'attore afro-americano prematuramente morto di cancro, ha ottenuto una candidatura postuma agli Oscar per la sua ultima interpretazione. Boseman è entrato nella cinquina dei migliori attori per "Ma Rainey's Black Bottom" e se la dovrà vedere con Riz Ahmed ("Sound of Metal", il primo musulmano in corsa per gli Academy Awards), Anthony Hopkins ("The Father"), Gary Oldman ("Mank") e Steven Yeun ("Minari").

 

I FILM. Hollywood premia Hollywood: "Mank" ha fatto man bassa di nomination - dieci in tutto - in vista degli Oscar 2021. Il film di David Fincher sulla realizzazione di "Quarto Potere" con Gary Oldman e Amanda Seyfried (candidati come miglior attore e migliore attrice non protagonista) se la dovrà vedere con altri sette titoli per la categoria più prestigiosa, il miglior film, tra cui il chiaro front-runner "Nomadland" di Chloe Zhao. Un altro film di una donna, "Promising Young Woman" di Emerald Fennell è in corsa per "best picture".

Ancora una volta Netflix ha fatto man bassa di nomination: un totale di 35 contro le 24 dell'anno scorso (e solo due vittorie). Quest'anno la piattaforma in streaming ha tre film candidati a "best picture": "Mank", "Ma Rainey's Black Bottom" e "The Trial of the Chicago 7".