Vip & Curiosità

Licenziato per un post sulla fiction, Sabrina Ferilli gli offre stipendio e assistenza legale

Nanà Santoro, personaggio interpretato da Sabrina Ferilli in "Svegliati amore mio"
Nanà Santoro, personaggio interpretato da Sabrina Ferilli in "Svegliati amore mio"

L’impiegato viene licenziato dopo aver condiviso su Facebook un post che invita alla visione della fiction «Svegliati amore mio» e Sabrina Ferilli, che è stata protagonista della serie televisiva, lo chiama al telefono dichiarandosi disponibile ad aiutarlo economicamente e legalmente. Ma il lavoratore ha rifiutato l’offerta. Lo rende noto l'unione sindacale Usb, al quale lo stesso lavoratore, Riccardo Cristello 45enne, due figli, si è rivolto e che coprirà le spese legali. L’impiegato la sera del 24 marzo scorso aveva condiviso sul social un post che invitava alla visione della fiction Mediaset sulle conseguenze sanitarie e ambientali delle emissioni di un’acciaieria, ritenuto denigratorio dall’azienda. 

Oggi, intanto, l'azienda ArcelorMittal di Taranto ha confermato il licenziamento di Cristello anche dopo l’incontro con i coordinatori di fabbrica di Fim, Fiom e Uilm. Domattina alle 7 scatta anche lo sciopero proclamato dall’Usb nello stabilimento di Taranto, con presidio davanti alla direzione. Sarà presente anche Cristello, che giovedì mattina con una delegazione dell’Unione sindacale di base sarà invece a Roma, impegnato in un presidio a oltranza davanti al Ministero del Lavoro.

 

GARA DI SOLIDARIETÀ

Un gesto di solidarietà, quello di Sabrina Ferilli, che si aggiunge alla grande mobilitazione di questi giorni.  Anche i registi della fiction Ricky Tognazzi e Simona Izzo gli hanno offerto supporto, ma non solo. Numerosi esponenti della cultura, dello spettacolo, della politica e della giustizia hanno firmato l'appello contro il licenziamento pubblicato sul sito del sindacato Usb: da Moni Ovadia a Lo Stato Sociale, passando per padre Alex Zanotelli, per citarne alcuni. Anche il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, si è speso in difesa di Riccardo Cristelli.