Il caso

La "pasta dal sapore littorio". La Molisana si scusa dopo la gaffe mediatica

Foto Twitter
Foto Twitter

Scivolone mediatico, amplificato dai social, per il pastificio "La Molisana" di Campobasso, tra le aziende leader in Italia nel settore alimentare. A finire nell’occhio del ciclone, il contenuto descrittivo di un formato di pasta, le "Abissine rigate". Probabilmente una svista, che però non è passata inosservata scatenando nelle ultime ore polemiche e critiche. Nell’illustrare le peculiarità delle "Abissine" l’autore del testo ha messo in risalto anche il "sicuro sapore littorio". Definizione infelice che riporta la memoria a tempi passati e a momenti tragici per l’intero Paese.

Un duro "colpo" per la famiglia Ferro, titolare del pastificio, da anni impegnata anche con un notevole successo a promuovere l’azienda in Italia e nel resto del mondo. Appena la notizia si è diffusa, immediatamente è arrivato il chiarimento: «Ci scusiamo per il riferimento riguardante il formato di pasta "Abissine rigate" che ha rievocato in maniera inaccettabile una pagina drammatica della storia». Lo hanno detto all’Ansa i responsabili del pastificio, aggiungendo che «cancellare l’errore non è possibile, ci impegniamo a revisionare il nome del formato in questione attingendo alla sua forma naturale».

 

 

Riconoscere l’errore, probabilmente non riconducibile ad una precisa volontà aziendale, non è da tutti. Cosa che viene confermata anche da chi avrebbe potuto "alimentare" le polemiche. «Per chi conosce la storia della famiglia titolare del Pastificio "La Molisana" - ha detto all’Ansa Michele Petraroia dell’Anpi Molise - non possono sorgere incomprensioni su un tema così delicato. I nazifascisti ritirandosi da Campobasso - ha ricordato - distrussero la loro azienda e nel dopoguerra come spesso ricordava l’on. Alfredo Marraffini del Pci, il capostipite della famiglia Ferro partecipava alle sottoscrizioni della Festa de L’Unità. In tutti i casi è opportuno che "La Molisana" chiarisca, se necessario anche in modo più fermo, la propria totale estraneità ad ogni riferimento col fascismo». 

Oggi "La Molisana" è un’azienda in forte espansione "recuperata" dalla famiglia Ferro a un destino di decadenza. Un percorso che l’ha portata ad affermarsi nei mercati internazionali ottenendo importanti riconoscimenti. 

Lino Venditti
# Sposta il focus sul parent