In Cina

Bruciata viva in diretta sui social, muore influencer

.
La 30enne cinese Lamu
La 30enne cinese Lamu

È morta a 30 anni Lamu, star dei social media cinesi. Era stata aggredita lo scorso 14 settembre dall'ex marito durante una diretta su Douyin, versione cinese di TikTok. Lo riporta la Bbc, che cita fonti locali.

 

Secondo quanto ricostruito, l'uomo le è piombato in casa armato di coltello e di una tanica di benzina proprio durante una diretta social. Il video della sua telecamera è stato improvvisamente oscurato, ma i follower in collegamento hanno iniziato a sentire le urla della 30enne. L'uomo, infatti, l'ha cosparsa di benzina per poi darle fuoco. La giovane influencer è deceduta per le conseguenze delle ustioni sul 90% del corpo due settimane dopo l'aggressione. L'ex marito è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario.

 

La donna aveva due figli di 3 e 12 anni. Secondo quanto dichiarato dal cognato, non era la prima volta che Lamu subiva aggressioni dall’ex tanto che a maggio aveva deciso di divorziare. L'uomo l'avrebbe addirittura minacciata di uccidere uno dei loro figli pur di farla tornare con lui.