Viaggi e turismo

Le spiagge più belle d'Europa. Tra i 22 lidi votati anche 7 località italiane

Dorate e vulcaniche, con scogli e macchia mediterranea, incontaminate o attrezzate e lambite da acque turchine e limpidissime: l'ente della Commissione Ue per la promozione del turismo europeo - European Best Destinations - ha scelto le 22 spiagge più belle, selezionate in base ai voti di migliaia di viaggiatori da tutto il mondo.

La prima in classifica è la spiaggia dalla sabbia fine e morbida di Porto Santo, piccola isola dell'arcipelago di Madeira, in Portogallo, un lido dorato che si estende senza interruzioni per 9 chilometri. Ma nell'elenco di spiagge da sogno ce ne sono anche 7 italiane, dalla Sardegna alla Puglia, dalla Toscana alla Campania.

Cala Goloritzé, in Sardegna, è al 4 posto, subito dopo playa de Bolonia a Cadice e Seixal, ancora a Madeira. La spiaggia sarda di Baunei, nella parte sud del golfo di Orosei, è un monumento nazionale italiano dal 1995 ed è facile capirne il motivo: i piccoli sassolini bianchi del lido sono lambiti da un'acqua trasparente con colori che vanno dal turchese al blu intenso. La spiaggia si raggiunge a piedi attraverso un sentiero ombreggiato o direttamente dal mare, ma l'entrata in quest'angolo di paradiso è a pagamento (6 euro anche per il parcheggio).

Al settimo posto in classifica, subito dopo Cala Mitjaneta, piccolo paradiso a Minorca, e Monolia sull'arcipelago di Lichades, nel golfo greco di Eubea, c'è la Baia delle Zagare, spiaggia simbolo del Gargano. Il lido di ciottoli bianchi ha alle spalle alte scogliere candide e davanti due faraglioni di roccia calcarea scolpiti dal vento. Per accedere alla spiaggia si passa attraverso un resort che si trova a picco sulla scogliera, con un ascensore che arriva direttamente sull'arenile.

Al 14esimo posto un'altra spiaggia italiana: Cavoli, sull'Isola d'Elba. Prima del lido toscano si sono classificate le spiagge di Elafonīsi, isolotto a sud-ovest di Creta; Santa Giulia a Porto Vecchio, in Corsica; l'inaspettata penisola di Hel nel mar Baltico; Porto Katsiki, sull'isola ionica di Lefkada; Calanque d'En Vau, a sud della Francia tra Marsiglia e Cassis; e Agios Konstantinos, sull'isola greca di Astipalea. La spiaggia toscana di Cavoli è uno dei lidi più famosi e frequentati dell'isola d'Elba: è un arco sabbioso tra grandi scogli e un mare cristallino in una piccola insenatura a sud-ovest dell'isola. Si resta all'Elba con l'arenile classificato in 17esima posizione: è la spiaggia della Sorgente, tra quelle di Sansone e Acquaviva, lungo la costa settentrionale di Porto Ferraio. Il lido, fatto di piccoli ciottoli bianchi e levigati, si posiziona subito dopo la spagnola Cala Sa Boadella, a Lloret de Mar, spiaggia in parte per nudisti.

Diciottesima in classifica è Cala dei Gabbiani, in Sardegna, uno dei tanti gioielli della costa di Baunei, sul golfo di Orosei. La cala è stretta da altissime pareti rocciose punteggiate dalla macchia mediterranea e lambita da un mare trasparente.

La francese Grève Blanche, in Bretagna, è la spiaggia classificata al 19esimo posto mentre al 20esimo c'è un altro lido sardo: Cala Cipolla, una delle perle della baia di Chia, nel sud della Sardegna. La caletta è nascosta tra le colline ed è lambita da un mare limpido con tutte le sfumature del blu. Meta di surfisti e subacquei, è perfetta anche per i bambini per il fondale sabbioso e basso per molti metri. L'ultima in classifica è la spiaggia del Cauco, in Costiera Amalfitana: caratterizzata da sabbia e ghiaia e lambita da un mare cristallino, è raggiungibile solo via mare. Prima del lido campano ci sono la spiaggia di Blanes, 4 chilometri di sabbia dorata in Catalogna, e sempre in Spagna la spiaggia di Laga, nella Riserva della Biosfera di Urdaibai dei Paesi Baschi.