«Le parole giuste attivano le stesse vie dei farmaci»

Intervista Fabrizio Benedetti (Fondazion

Tutti noi speriamo in qualcosa. Ma il malato spera più di ogni altro. E sono le parole il mezzo più importante per infondere speranza: parole empatiche, di conforto, fiducia, motivazione.

Nel suo intervento a Vivere sani, Vivere bene, organizzato dalla Fondazione Zoé - Zambon Open Education Fabrizio Benedetti, professore di Fisiologia e Neuroscienze all’Università di Torino, spiega che le parole sono delle potenti frecce che colpiscono precisi bersagli nel cervello, e questi bersagli sono gli stessi dei farmaci che la medicina usa nella routine clinica. Le parole innescano gli stessi meccanismi dei farmaci, e in questo modo si trasformano da suoni e simboli astratti in vere e proprie armi che modificano il cervello e il corpo di chi soffre.

È questo il concetto chiave che sta emergendo, e recenti scoperte lo dimostrano: le parole attivano le stesse vie biochimiche di farmaci come la morfina e l'aspirina.

Suggerimenti