La mente va curata giorno per giorno

La mente va curata giorno per giorno
La mente va curata giorno per giorno
La mente va curata giorno per giorno
La mente va curata giorno per giorno

La "mens sana", quella della celebre frase del poeta Giovenale, richiede un'attenzione costante, quotidiana, fatta anche di gesti piccoli ma fondamentali in chiave preventiva. Con questa chiave la Fondazione Zoé, che fa della comunicazione sui temi della salute il proprio obiettivo principale, propone per il decimo anno la rassegna "La mente in salute - Vivere sani, vivere bene", che si svolgerà dal 14 al 21 ottobre prossimi, con un prologo sabato 6 ottobre. Il programma è stato presentato ieri dal segretario generale della Fondazione Zoé, Mariapaola Biasi, e dal sindaco Francesco Rucco, che ha sempre «seguito con attenzione le attività negli anni scorsi - sono state le sue parole -. La Fondazione Zoé è una parte importante del nostro territorio, ed è giusto che la collaborazione con il Comune prosegua. Per questo abbiamo messo a disposizione sedi comunali importanti, anche perché teniamo molto al tema della salute. Il sindaco, d'altra parte, è il primo responsabile della salute dei cittadini».L'edizione 2018 di "La mente in salute" è caratterizzata da un maggiore presenza della musica, che rappresenta - ha spiegato Biasi - uno dei filoni trasversali della rassegna. Nel prologo di sabato, alle 15.30 nella sede della Fondazione Zoé in corso Palladio, sarà presentata un'originale "Miscela d'aria" con arrangiamenti musicali basati su contributi vocali provenienti da persone con l'Alzheimer. Alle 17, al palazzo delle Opere sociali, Giovanni Anzidei, vicepresidente della Fondazione Igea, e Michela Marcon, neurologa all'Ulss 8, parleranno di come prevenire e rallentare l'invecchiamento cerebrale.Domenica 14 ottobre tornerà il Concerto del risveglio, alle 7.45 nel Tempio di Santa Corona, con il recital proposto da Andrea Griminelli al flauto e Amedeo Salvato al pianoforte. In mattina si parlerà del ruolo della musica nella cura del disagio psichico, nel pomeriggio si potrà partecipare a una sessione di danza contemporanea. Alle 18.30, nel Ridotto del Teatro comunale, ci sarà uno degli ospiti principali della rassegna, il neurologo Giacomo Rizzolatti, lo scopritore dei "neuroni specchio".Lunedì 15 , alle 18.15 al palazzo delle Opere sociali, il neurologo Luigi Ferrini Strambi condurrà in un viaggio tra le sessanta patologie del sonno. Sempre il palazzo delle Opere sociali ospiterà martedì 16 due appuntamenti sul rapporto tra malattia e speranza: alle 18.15 lo psichiatra Eugenio Borgna lo affronterà dal versante delle emozioni dei pazienti; alle 20.45 Fabrizio Benedetti, professore universitario, toccherà l'ambito delle neuroscienze.Non di poca importanza, in tema di salute mentale, è l'aspetto della sessualità, che mercoledì 17, alle 18.15 al palazzo delle Opere sociali, sarà affrontato da Emmanuele A. Jannini, professore di endocrinologia e sessuologia medica. Una tavola rotonda sarà dedicata, giovedì 18 alle 18.15 nella sede di Fondazione Zoé, al rapporto tra malattia di Parkinson e lavoro, dal punto di vista e psicologico e normativo. Venerdì 19, alle 18.15 al palazzo delle Opere sociali, il filosofo della scienza Telmo Pievani parlerà dell'evoluzione del cervello negli ultimi 300 mila anni, e alle 20.45 il farmacologo Maurizio Memo si soffermerà sulle interazioni tra neuroni e cibo, perché il cervello ha bisogno di specifici alimenti per mantenere le proprie funzioni.La giornata di sabato 20 sarà riservata al rapporto tra infiammazioni del corpo e salute del cervello (con Sergio Pecorelli), mentre alle 17 di domenica 21 chiuderà la rassegna all'Health & Quality Factory Zambon una riflessione sul "prendersi cura" con gli esperti dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano.

Gianmaria Pitton