Domani la firma con l'Ue

Vaccino Pfizer-Biontech contro il Covid, all'Italia 40,5 milioni di dosi

La sede della Pfizer a New York
La sede della Pfizer a New York

L’Italia avrà accesso ad almeno il 13,51% dei 300 milioni di dosi di vaccino Pfizer-Biontec contro il coronavirus riservati all’Ue, (200milioni più un’opzione per altri 100milioni), quindi circa 40,5 milioni di dosi. «La ripartizione delle dosi - spiegano dalla Commissione Ue - avviene sulla base della popolazione di ciascun Stato membro rispetto al totale degli abitanti dell’Ue» e il dato si ricava da fonti Eurostat. Ma la percentuale di dosi per l’Italia potrebbe anche essere più alta: con la procedura che partirà domani dopo il via libera del collegio dei commissari Ue, le capitali avranno cinque giorni per presentare eventuali opt-out. In caso di astensioni aumenteranno le dosi per gli altri Paesi.

«Domani autorizziamo un contratto per un massimo di 300 milioni di dosi del vaccino sviluppato dalla società tedesca BioNTech e Pfizer» ha confermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Una volta che il vaccino sarà disponibile, ha aggiunto «il nostro piano è di distribuirlo rapidamente, ovunque in Europa».

 

Leggi anche
L'annuncio: vaccino anti-Covid pronto entro fine anno, efficacia al 90%