Spunta un rapporto segreto Usa del 2020. «Covid, plausibile fuga da laboratorio di Wuhan»

Un rapporto segreto sulle origini del Covid-19, redatto nel maggio del 2020 da un importante laboratorio del governo Usa, concluse che la teoria del virus fuggito da un laboratorio di Wuhan era verosimile e avrebbe dovuto essere ulteriormente indagata. Lo riporta il Wall Street Journal.

Il dossier del Lawrence Livermore National Laboratory, struttura di ricerca sulla biodifesa con sede in California e finanziata principalmente dal dipartimento americano dell’Energia, è stato uno dei primi e più autorevoli lavori per contrastare la tesi secondo cui il virus è passato naturalmente dagli animali all’uomo.

L’esistenza dello studio è stata segnalata per la prima volta il mese scorso dal Sinclair Broadcast Group. In seguito Vanity Fair ha affermato che l’analisi è stata scoperta nell’autunno scorso da un analista di intelligence che lavorava per il dipartimento di Stato. I funzionari del dipartimento dell’Energia - secondo la rivista - hanno tentato di impedire agli investigatori di Foggy Bottom di parlare con gli autori del rapporto, e la stessa indagine del dipartimento di Stato è stata chiusa dall’amministrazione Biden all’inizio del 2021.

 

Leggi anche
Covid, intelligence Usa: «Tre ricercatori di Wuhan ammalati nel novembre 2019». Fauci: «Non convinto dell'origine naturale»