Salute e Benessere

Primo trapiantato in Italia con un cuore fermo da 20 minuti. L'intervento a Padova

All'ospedale di Padova. Questo risultato potrebbe portare ad un incremento del 30% nel numero dei trapianti.

E' stato eseguito nell'Azienda ospedaliera di Padova il primo trapianto di cuore da un organo che aveva cessato ogni attività elettrica da 20 minuti. In passato era accaduto che fossero stati eseguiti trapianti con cuore "fermo" da pochi minuti. 

«Per primi al mondo abbiamo dimostrato che si può utilizzare per un trapianto cardiaco un cuore che ha cessato ogni attività elettrica da 20 minuti» ha detto Gino Gerosa, direttore della cardiochirurgia padovana. Il donatore era un uomo colpito da «morte cardiaca», con contestuali, irreversibili danni cerebrali, da rendere vano ogni accanimento terapeutico.

«Questo risultato straordinario potrebbe portare ad un incremento del 30% nel numero dei trapianti, in un arco di tempo relativamente breve», ha spiegato Gerosa, che ha guidato l'equipe padovana.  L'operazione è stara effettuata lo scorso 11 maggio, su un uomo di 46 anni, cardiopatico, già operato in età pediatrica, e in lista d'attesa per un trapianto da due anni.

L'importanza dell'intervento è stata sottolineata, nella conferenza stampa di annuncio, anche dal residente della Regione Veneto, Luca Zaia. «Si tratta di una notizia emozionante - ha dichiarato - si apre una nuova pagina di storia sul fronte del trapianto di cuore, risultato di un lavoro di squadra eccezionale portato avanti dalla sanità veneta e da questi medici professionisti di grandissimo spessore».