L'annuncio

Via libera al vaccino anti-Covid da Ema e Commissione europea. «Si comincia il 27 dicembre»

Covid, l'Ema approva in via condizionale il vaccino Pfizer-BioNTech

AGGIORNAMENTO ORE 19 - VACCINAZIONE INIZIA IL 27 IN TUTTA EUROPA. «Il vaccino» Pfizer-BioNTech «sarà disponibile per tutti gli Stati membri nello stesso momento e alle stesse condizioni» e la vaccinazione inizierà nei giorni di vaccinazione europei «il 27, 28 e 29 dicembre». Lo ha detto la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, annunciando l’ok della Commissione Ue all’immissione sul mercato del vaccino. «Questo è un ottimo modo per concludere questo anno difficile e per iniziare finalmente a voltare pagina», ha aggiunto. 

«Il vaccino Pfizer-Biontech è stato approvato dall’Ema e autorizzato dall’Unione europea. Una splendida notizia. Avevamo auspicato l’arrivo dei vaccini entro la fine dell’anno. Il 27 dicembre si parte». Lo scrive su Twitter il premier Giuseppe Conte.

 

 

 

 

ORE 18.30 - UE AUTORIZZA COMMERCIALIZZAZIONE VACCINO PFIZER-BIONTECH. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato il via libera all’immissione in commercio del vaccino Pfizer-BioNTech, dopo l’ok dell’Ema.

 

ORE 15 - EMA, VIA LIBERA AL VACCINO PFIZER-BIONTECH. L'Agenza europea del farmaco (Ema) ha dato l'ok condizionale al vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech. «Il Comitato tecnico Chmp dell'Agenzia europea del farmaco Ema si è riunito oggi e ha raccomandato un'autorizzazione condizionata alla commercializzazione nell'Ue del vaccino sviluppato da BioNTech e Pfizer. La raccomandazione è per prevenire Covid-19 nelle persone a partire dai 16 anni di età», ha annunciato Emer Cooke, diretttrice esecutiva dell'Ema.

 

«È la notizia che aspettavamo. La battaglia contro il virus è ancora molto complessa, come dimostrano anche le ultime notizie provenienti da Londra, ma avere a disposizione un vaccino efficace e sicuro apre una fase nuova e ci da più forza e fiducia», il commento del ministro della Salute Roberto Speranza.

 

Uno studio clinico molto ampio, ricorda l'Ema, ha dimostrato che Comirnaty è efficace nel prevenire Covid a partire dai 16 anni d'età. Il trial ha coinvolto complessivamente circa 44mila persone, a metà delle quali è stato somministrato il vaccino mentre all'altra metà un'iniezione placebo; i partecipanti non sapevano se avevano ricevuto l'uno o l'altro. L'efficacia è stata calcolata in oltre 36mila over 16, inclusi anziani ultra 75enni, che in precedenza non avevano avuto alcun segno di infezione da Sars-CoV-2. E' emersa una riduzione del 95% del numero di casi Covid sintomatici nei vaccinati (8 su 18.198 hanno mostrato segni di malattia), rispetto al gruppo controllo (162 casi su 18.325). Si è osservata inoltre un'efficacia del 95% circa nei partecipanti a rischio di Covid-19 in forma grave (asmatici, pazienti con malattie polmonari croniche, diabete, ipertensione, obesità).

L'elevata efficacia è stata mantenuta indipendentemente dal genere o dal gruppo etnico. Comirnaty viene somministrato attraverso due iniezioni nel braccio, a distanza di almeno 21 giorni l'una dall'altra. Gli effetti indesiderati più comuni sono stati generalmente lievi o moderati, e si sono attenuati entro pochi giorni dalla vaccinazione. Includevano dolore e gonfiore al sito di iniezione, stanchezza, mal di testa, dolori muscolari e articolari, brividi e febbre.

«Al momento - ha chiarito Cooke parlando della variante inglese del virus - quello che possiamo dire è che non ci sono evidenze che il vaccino non funzioni contro questa nuova variante del coronavirus Sars-CoV-2».

 

Leggi anche
Vaccino Covid, Pfizer: è efficace al 95% e non ha effetti avversi gravi

Leggi anche
L'annuncio: vaccino anti-Covid pronto entro fine anno, efficacia al 90%

# Sposta il focus sul parent