Motori

Ferrari da collezione, asta di 28 rarità. Tra le preziose, una 288 GTO valutata oltre 2 milioni di euro

Per gli appassionati del Cavallino, e in generale delle auto da collezione, ogni volta che una Ferrari con pedigree viene proposta dalle grandi Case d'asta i riflettori si accendono immediatamente su questo evento, nella consapevolezza della rarità di alcuni modelli e del loro elevato valore. Quando poi le Ferrari che stanno per essere "battute" all'asta sono 28, allora la notizia diventa virale e tale da far salire la febbre della passione in tutto il mondo. Questo lotto - la Collezione Petitjean - sarà proposto, senza riserve (cioè con assegnazione alla migliore offerta) il prossimo 2 febbraio da RM Sotheby's a Parigi. Già nel 2020, l'ex pilota Marcel Petitjean aveva ceduto quasi 100 auto sportive classiche della sua vasta raccolta, ma ora ad uscire dai suoi garage sono i gioielli che fanno parte «di un collezione è stata costruita nel corso di molti decenni - ha commentato Oliver Camelin, direttore vendite Svizzera di RM Sotheby's - e comprende alcune delle Ferrari stradali più importanti» tra cui una preziosa 288 GTO del 1985. Si tratta di uno dei soli 272 esemplari costruiti, originariamente appartenuta al pilota Bepp Mayer, che ha percorso 7mila km e, dopo l'acquisto da parte di Petitjean, altri 2.500 km. Verniciata con il caratteristico esterno Rosso Corsa, la 288 GTO sarà consegnata con il suo kit di attrezzi originale, il manuale d'uso e il registro di servizio. RM Sotheby's stima che questa auto del Cavallino sarà venduta tra 2,4 e 2,6 milioni di euro.

 

Ferrari da collezione, asta di 28 rarità dell'ex pilota francese Marcel Petitjean
Ferrari da collezione, asta di 28 rarità dell'ex pilota francese Marcel Petitjean

 

Altro gioiello tra le 28 Ferrari della Collezione Petitjean è la 275 GTB/4 del 1966, prima auto di Maranello di serie ad essere dotata della versione a quattro alberi a camme in testa del V12. Questo particolare esemplare è stato utilizzato dalla Ferrari come auto dimostrativa e per la stampa prima che Petitjean la acquistasse e iniziasse a guidarla nelle gare. Si prevede che possa sfiorare i 2 milioni di euro.