Auto

Bollo auto, esenzione in Veneto per aiutare le 550 famiglie con bambini trapiantati

I piccoli e giovanissimi pazienti stimati sono circa 550 in Veneto è a loro è stata rivolta l’attenzione in quanto bisognosi di visite continue.

La Giunta regionale del Veneto ha adottato un provvedimento, su proposta dell’assessore a Sanità e Sociale Manuela Lanzarin, unitamente all’assessore al Bilancio e Patrimonio Francesco Calzavara, con cui sono state definite le procedure per l’esenzione dal pagamento del bollo auto per gli autoveicoli adibiti al trasporto di minori trapiantati, in applicazione della specifica legge regionale.

«Si è voluto semplificare la procedura attraverso un ‘canale unico’ di accesso – spiega l’assessore Manuela Lanzarin -. Le famiglie di minori trapiantati residenti in Veneto potranno presentare domanda attraverso una modulistica predisposta appositamente, nella forma di autodichiarazione. I beneficiari stimati sono nell’ordine di circa 550 ed ai piccoli e giovanissimi pazienti è stata rivolta l’attenzione in quanto bisognosi di visite continue, accompagnati dai loro familiari».

L’accesso ai benefici riguarda un solo autoveicolo di un genitore, o di chi esercita la responsabilità genitoriale, o del tutore, del minore trapiantato, considerando la casistica dei trapianti di organo solido (cuore, polmone, fegato, rene, pancreas, intestino), di insule pancreatiche e di cellule staminali emopoietiche, eseguiti anche al di fuori del Veneto.

«Tale misura - precisa l’assessore - è volta a riconoscere a queste famiglie, in cui l’assistenza al piccolo paziente è continua per terapie e follow up clinici di controllo, un sostegno indiretto attraverso l’esenzione del bollo auto dell’autoveicolo impiegato per il trasporto del figlio in cura».

«L’esenzione - riferisce l’assessore Francesco Calzavara - riguarda sia gli autoveicoli in proprietà sia quelli in uso a titolo di usufrutto, di patto di riservato dominio, di locazione finanziaria e di locazione a lungo termine senza conducente. Ulteriore condizione per poter accedere all’esenzione è legata alla tipologia dell’autoveicolo che deve avere cilindrata fino a 2.000 centimetri cubici se con motore a benzina o ibrido, a 2.800 centimetri cubici se con motore diesel o ibrido e di potenza non superiore a 150 KW se con motore elettrico».

L’esenzione opera per i soli soggetti aventi un reddito imponibile ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) non superiore a euro 45.000.


 

Comunicato nr. 97-2023 (SOCIALE/SANITÀ/BILANCIO)

 

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a Il Giornale di Vicenza e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de Il Giornale di Vicenza, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati