Moda

Via "uomo" o "donna" dai profumi, le nuove fragranze sono senza indicazione di genere

Foto Facebook @PittiFragranze
Foto Facebook @PittiFragranze
Foto Facebook @PittiFragranze
Foto Facebook @PittiFragranze

Anche il profumo si fa genderless. Dimentichiamoci le note diciture che identificano le fragranze "pour femme" o "pour homme", la nuova frontiera della profumeria artistica internazionale segue il trend della moda: prodotti unisex.

Ne è un esempio il brand 19-69 fondato nel 2017 dall’artista, fotografo e product designer svedese Johan Bergelin. «L’anno del 1969 rappresenta un’era di libertà, tolleranza e controcultura», racconta, spiegando che la sua collezione di fragranze non fa distinzione tra uomo e donna, i suoi profumi sono genderless.

Si muovono su questa scia tante aziende presenti fino al 19 settembre a Fragranze, la fiera della profumeria artistica che torna a svolgersi in presenza a Firenze con 140 brand. Così anche Atelier Oblique, brand di profumeria artistica nato a Berlino dalla creatività di Mario Lombardo, propone fragranze unisex. Mentre Rose Aria è la novità di Heeley Parfums, creati dal profumiere e designer inglese James Heeley. Nella nuova proposta la rosa centifolia si unisce a muschio e ambra, in un mix che può essere usato sia da lui che da lei. Alcune aziende seguono il trend aggiungendo ispirazioni storico-culturali. Così le opere iconiche della letteratura internazionale sono l’ispirazione alla base di ogni fragranza Timothy Han Edition.
«Traiamo ispirazione dalla letteratura e dalla creatività dei pensatori liberi» è il mantra della maison. Ispirato al romanzo di Jack Kerouac datato 1951 da cui trae il nome, «On the Road»
(Sulla strada) è un profumo unisex dalle note ispirate al jazz. Da Memoize London la collezione di fragranze è dedicata a due temi principali: i sette vizi capitali e le sette virtù celesti.

Ma c’è anche chi va oltre. Nasce il profumo di Neandertal, creato dall’artista Kentaro Yamada, ideato per dare una risposta artistica alla visione egocentrica dell’umanità dell’universo. Il fondatore del brand ha cercato note olfattive per esplorare le analogie tra gli echi persistenti del passato e il mondo di oggi. Il risultato è un profumo estremamente originale, fuori dagli standard convenzionali. In fiera spazio anche al famoso naso internazionale Ralf Schwieger, autore di profumi best seller (tra cui Hermès Eau des Merveilles, Marc Jacobs Marc Jacobs Men, Thierry Mugler Womanity) presente con una retrospettiva curata da Chandler Burr.

Nella sezione Raw, area dedicata alle materie prime, Mane reinventa la storica tecnica dell’Enfleurage - uno dei più antichi metodi di estrazione, utilizzato per ricavare le fragranze dai petali dei fiori - e offre una nuova gamma di estratti 100% naturali.