Moda e Tendenze

La moda del Carnevale si racconta a Venezia attraverso gli abiti storici

A Venezia apre al pubblico una collezione di 20 costumi, fedelmente riprodotti da Francesco Briggi
A Venezia apre al pubblico una collezione di 20 costumi, fedelmente riprodotti da Francesco Briggi
A Venezia apre al pubblico una collezione di 20 costumi, fedelmente riprodotti da Francesco Briggi
A Venezia apre al pubblico una collezione di 20 costumi, fedelmente riprodotti da Francesco Briggi

ll Carnevale di Venezia mette in scena gli abiti della collezione dell’Atelier Pietro Longhi. In occasione dell’edizione 2022, fino all’1 marzo, apre al pubblico una collezione di 20 costumi, fedelmente riprodotti da Francesco Briggi da documenti originali o tratti da dipinti dei più importanti pittori veneziani. “Storie di Moda: racconti di Carnevale”, alla Scuola Grande dei Carmini, descrive l’evoluzione del Carnevale attraverso 20 abiti. La mostra giunge quest’anno alla quinta edizione e per la prima volta mostra tutte le classi sociali che vivevano nella Serenissima, grazie a spaccati dei Carnevali nei diversi secoli. Una mostra che racconta la storia di Venezia attraverso una delle caratteristiche più importanti della sua cultura materiale: l’abbigliamento e i materiali ad esso connessi. I costumi sono ispirati proprio alla Scuola Grande dei Carmini, che da sempre ha dimostrato una propensione ad accogliere rappresentanti di tutte le classi sociali, e pertanto non si limita a raccontare come si vestivano le classi abbienti ma anche le classi inferiori.

Orari apertura: tutti i giorni dalle 11 alle 17, visite guidate su prenotazione. Informazioni sul sito www.carnevale.venezia.it.